shinystat spazio napoli calcio news Il Mattino: "Per Jorginho è la stagione della consacrazione. La Nazionale è dietro l'angolo"

Il Mattino: “Per Jorginho è la stagione della consacrazione. La Nazionale è dietro l’angolo”


Conquistare Napoli sia dentro che fuori dal campo. Jorginho dopo i primi mesi da protagonista con la maglia azzurra, nei giorni scorsi è stato il giocatore più ricercato su internet. Un video che lo ritrae mentre gioca con alcuni piccoli tifosi azzurri dinanzi al Duomo di Napoli ha fatto il giro del mondo (CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO). Il centrocampista sta diventando il nuovo faro del centrocampo azzurro: tecnica, lucidità e anche tanta grinta. Il pupillo di Rafa Benitez sta maturando e tanto nella città del Vesuvio e l’edizione odierna de “Il Mattino” fa il punto sulla sua esperienza napoletana tracciando anche il futuro del giovane mediano italo-brasiliano. Ecco uno stralcio dell’articolo pubblicato questa mattina dal quotidiano napoletano: “Per l’italo-brasiliano questa dovrebbe essere la stagione della consacrazione: è esploso a Verona, a Napoli sta confermando il proprio talento. E finito nel mirino degli osservatori di Conte: “Sarebbe un sogno indossare la maglia della Nazionale, è il sogno di tutti i bambini».

Nato a Imbituba, naturalizzato italiano, il suo valore di mercato è circa 12 milioni, guadagna meno della metà di Higuain. Ha sposato in pieno il progetto Napoli e ne condivide le speranze: «Ora è il campionato il nostro obiettivo principale. Vogliamo vincere tutte le partite, sappiamo che non sarà possibile ma lotteremo per questo». Combattente di centrocampo, in media corre 10-12 chilometri a partita, non è affatto spaventato dalla concorrenza interna e dai nuovi arrivati: «Ben vengano, servono per rinforzare la squadra. Siamo più forti di un anno fa». Ha piedi buoni ma gioca soprattutto con il cuore: «Senza quello domenica non avremmo vinto, era fondamentale rialzarsi dopo Bilbao e noi lo abbiamo fatto con il nostro orgoglio». Il cuore e l’orgoglio di Jorginho per accompagnare la squadra più su. «Lo devo a questa città: Napoli è l’emozione più grande della mia vita».