shinystat spazio napoli calcio news Rafael alla GdS: "L'infortunio è stato superato e non ho paura. Quest'anno avrò grandi responsabilità!"

Rafael alla GdS: “L’infortunio è stato superato e non ho paura. Quest’anno avrò grandi responsabilità!”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Dal ritiro del Napoli di Dimaro, il nuovo portiere titolare Rafael ha rilasciato un’intervista a “La gazzetta dello Sport”. Per il brasiliano è stata l’occasione di parlare di questa sua nuova stagione e del rientro dal terribile infortunio dello scorso anno. Ecco le sue dichiarazioni:

L’operazione al ginocchio è un lontano ricordo? “Sto benissimo, non avverto più dolori. Grazie a Dio mi sento più forte di prima. Voglio ringraziare lo staff medico del Santos e del Napoli. Ho lavorato sodo in questi mesi, sono al 100%”.

Che cosa le lascia in eredità Reina? “È un maestro, ci siamo sentiti anche quando ero in Brasile. Ha guadagnato un tifoso”.

Un derby interno Brasile-Argentina con Andujar in prospettiva? “Sia io che lui siamo qui per il bene della squadra. Che è la cosa più importante”.

Nelle 11 gare giocate da lei la scorsa stagione, il Napoli non ha mia perso. “E spero che continui così a lungo quest’anno. Lavorando e parlando poco. Sono pronto. A cominciare dal preliminare di Champions League”.

 Ha subìto gravi infortuni: com’è riuscito a riemergere? “Grazie a Gesù, che mi ha dato la forza. Già al Santos in prima squadra, a 16 anni, in allenamento un compagno di squadra mi ruppe una gamba. Ma furono i mesi più belli della mia vita, perché in quell’occasione conobbi la fede. Gli infortuni contro lo Swansea e quello al gomito del 2010, che mi fece saltare l’Olimpiade, li ho superati così. Pregando”.

Se si parla di Brasile, che cosa le viene subito in mente, a parte il doloroso 7-1 con la Germania al Mondiale? “Penso a ciò che vissuto con la Seleçao. Ho giocato 4 gare, mi manca. Menezes mi convocava, con Scolari non sono più andato. Non conosco Dunga, ma aspetto la chiamata”.

Il Brasile è arrabbiato con Zuniga per il fallo a Neymar. “Sono affezionato al mio amico, abbiamo giocato nel Santos. Ma Camilo non voleva fargli male”.

Vincere lo scudetto: De Laurentiis è stato chiaro. “Ho tanti sogni: spero di puntare allo scudetto, di rivincere la Coppa Italia, di fare bene in Champions League e di tornare in nazionale, ma intanto devo lavorare molto”.

Preferenze privacy