shinystat spazio napoli calcio news RILEGGI IL LIVE - Bigon a +N: "Non abbiamo trattato con nessun tifoso in Coppa Italia. Sul mercato i tifosi possono star tranquilli!"

RILEGGI IL LIVE – Bigon a +N: “Non abbiamo trattato con nessun tifoso in Coppa Italia. Sul mercato i tifosi possono star tranquilli!”


Puntata numero quindici di “In Casa Napoli”. Ospite di eccezione della serata è il direttore sportivo Riccardo Bigon . Il dirigente azzurro racconterà ai microfoni di +N l’indomani della finale di Coppa Italia contro la Fiorentina e spiegherà le future strategie di mercato della società partenopea. Ospiti della trasmissione, in veste di opinionisti, sono Marino Bartoletti, Pino Taglialatela, Mario Somma, Michele Plastino, Raffaele Auriemma e Biagio Izzo. Ecco le parole di Bigon:

Episodi Coppa Italia – Dispiace dopo la partita, stare a parlare di episodi di questo tipo. C’è rammarico nell’aver assistito a questi episodi molto gravi, ma ci sono stati degli eventi che hanno compromesso il regolare svolgimento della gara all’Olimpico. Sono immagini brutte per l’idea di calcio che abbiamo tutti noi. Purtroppo queste cose ancora accadono, ma non voglio sbilanciarmi perchè ci saranno delle indagini. L’unica cosa che posso dire è che non c’è stata nè una trattativa con gli ultras nè un ricatto. Abbiamo posticipato l’inizio del gioco, perchè i tifosi volevano sapere cosa fosse successo. Tra di loro c’era grande preoccupazione perchè avevano paura che fosse morto un ragazzo, cercavano delle rassicurazioni. Noi siamo andati sotto la curva in accordo con le forze dell’ordine per chiarire la cosa. Dopo che abbiamo parlato con i tifosi, è stato sempre chiaro che la partita si sarebbe disputato. E’ stata una situazione molto particolare che chiedeva un comportamento particolare. In quei momenti era anche importante mantenere il rispetto verso chi lottava con la morte. Nessuno ci ha dato ordini sul giocare o meno la partita.

Coppa Italia – I complimenti fanno sempre piacere ma vanno condivisi con chi ha permesso la vittoria in campo. La prossima stagione dobbiamo ripartire da questo titolo. Con questa vittoria si può aprire un ciclo, ma ovviamente non posso garantire le vittorie future perchè ci sono molte difficoltà nell’ottenere i successi. Solo in Italia, ogni anno ci sono 5 o 6 pretendenti.

Benitez – Oggi che abbiamo una squadra equilibrata e vincente ci sembra normale, ma il percorso che è stato fatto con Benitez è stato lungo. Era difficile cambiare la mentalità ed il lavoro ad un gruppo che aveva dato tanto. Sotto questo punto di vista Rafa è stato formidabile.

Insigne – Lorenzo è un giocatore eccezionale, nel senso che rappresenta un’eccezione. Lui è un attaccante con della tecnica aerobica impressionante. Su questa base può costruire un futuro importante perché lavora alla grande ed è un ragazzo serio. Lui ha una mentalità superiore alla sua età e merita i mondiali senza ombra di dubbio…

Reina – E’ un calciatore importante in campo e fuori. Ora è in prestito e dobbiamo aspettare la fine della stagione per parlare con il Liverpool e vedere cosa si può fare. Lui è stata una grande occasione di mercato, ma non so dir bene perchè è stato mandato via da Liverpool. Il problema sulla sua permanenza è che non siamo gli unici sul suo nome, ma abbiamo comunque il vantaggio che lui a Napoli si trova bene.

Rafael – E’ stato un acquisto importante per i prossimi anni. Insieme all’allenatore, pero’, abbiamo pensato che la presenza di Reina fosse stata importante per il portiere brasiliano per farlo ambientare. In questi giorni è rientrato dalle terapie in Brasile. Quello che succederà ce lo diranno le operazioni di mercato. Poi abbiamo Andujar che sarà un ottimo secondo portiere…

Zuniga – Camillo lo vedremo nel mondiale e poi valuteremo. Sta recuperando, ma non aveva le condizioni per scendere in campo nelle ultime partite.

Supercoppa – Ancora non sappiamo dove si giocherà. Ora si possono fare soltanto delle ipotesi. Per quanto riguarda la sede, si valuterà l’ordine pubblico ed anche i preliminari di Champions. La nostra data ideale sarebbe farla almeno una settimana prima dei preliminari o anche dopo la sfida europea.

Mercato – Su Koulibaly smentisco che oggi ha tenuto le visite mediche. Comunque lo stiamo seguendo e la trattativa è in fase di chiusura. Chi fa il mio lavoro deve portare a termine le trattative, sperando di contenere al massimo lo sforzo economico. Sarebbe poco intelligente parlar di nomi perchè si alzerebbero le valutazioni. I tifosi posso star tranquilli perchè abbiamo dimostrato di voler il bene della squadra. Una squadra è migliorabile in tutti i settori, ma cerchiamo giocatori funzionali. Non partiamo comunque da un livello basso, siamo cresciuti molto e abbiamo anche conquistato la terza fascia nei gironi di Champions. Il nostro campionato ha perso appeal, ma sotto il punto di vista tecnico non siamo sotto ad altre realtà europee. E’ sceso il livello economico del nostro calcio, ma sono fiducioso per il futuro.

Crescita squadra – Il Napoli è cambiato tanto e questa crescita, in sede di mercato, è stata complicata. Se si considerano le rose del 2009 e quella di oggi, si possono notare le differenze. I calciatori che si prendevano qualche anno fa ora non vanno più bene e si cercano strade più virtuose. Siamo uno dei pochi club che possono essere competitivi anche in futuro. Nella crescita della squadra è stata fondamentale la mentalità del presidente sono state determinante le sue qualità di imprenditore. Ogni espressione di questo club è riconducibile a De Laurentiis.

Orsato – Credo sia stata un’ottima scelta perchè è un arbitro di grande polso e responsabilità. Ha sbagliato poco o niente…