shinystat spazio napoli calcio news Colombo: "Napoli, sono pronto!"

Colombo: “Napoli, sono pronto!”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Ci mancava solo l’infortunio di Rafael. Il Napoli, ha ufficialmente vinto lo scudetto della sfortuna.

Difficilmente qualche altra squadra riuscirà a toglierglielo, la Fiorentina forse, ma la squadra partenopea ha visto “mancare” i suoi uomini nei momenti più delicati del campionato e delle coppe e durante il “top” della loro forma fisica.

I portieri, perni principali degli undici in campo, fanno il lavoro sporco, quello difficile, quello che ti può salvare una partita.

Reina adesso non è solo, c’è un “terzo” che con la maglia del Napoli ufficialmente non ha mai giocato ma nello spogliatoio si è fatto spesso sentire.

Roberto Colombo, grande professionista e persona, é arrivato con tanta umiltà all’ombra Vesuvio nel 2011. Cresciuto nel vivaio del Milan, tra l’altro anche sua squadra del cuore, ha giocato in serie minori per poi approdare in B col Bologna e legarsi successivamente a questo club importante come terzo, inizialmente, di De Sanctis e Rosati.

Lui si è sempre detto “pronto” a dare il meglio di sé con tale maglia e probabilmente mai come ora, con un Reina non in perfetta forma e un portiere svincolato non ancora preso, potrebbe servire più che mai. Mister Benitez lo stima particolarmente, definendolo “un esempio per tutti compagni e sempre dedito alla sua professione“.

Oltre ad essere un giocatore di calcio, ama molto fare l’imitatore, in particolare di Berlusconi, è inoltre laureato in Scienze Politiche e nello spogliatoio ha sempre una battuta pronta.

Ha visto nascere entrambe le figlie vestendo questa maglia e chissà se grazie all’azzurro potrà vivere un’altra emozione fortissima: difendere finalmente i pali del Napoli.

Preferenze privacy