shinystat spazio napoli calcio news El flaco Fernández e la sicurezza acquisita

El flaco Fernández e la sicurezza acquisita


Quella strana coppia. C’era una volta uno spagnolo ed un argentino. Il primo venuto da una grande d’Europa, aveva tutto nella capitale spagnola, un posto d’onore nella bacheca di una delle più grandi squadre del mondo. Non aveva però un posto da titolare fisso, la possibilità di giocare con continuità per dimostrare sempre il proprio valore. Non giocare significa perdere il posto in nazionale e nell’anno del mondiale in Brasile il rischio è altissimo. Raúl non poteva e non voleva e quando arrivò la chiamata di mister Benitez non ci ha pensato due volte. Napoli ed il Napoli erano proprio ciò che serviva in quel momento.

Il secondo arrivato a Napoli nel 2011 dall’Estudiantes con l’etichetta di promessa sicura. Difensore nell’orbita della nazionale maggiore sudamericana. Titolare indiscusso a meno delle scelte dell’allenatore. Mazzarri però gli ha sempre preferito Cannavaro e delle prime stagioni partenopee si ricorda solo una doppietta in Champions al Bayer Monaco.

Il prestito al Getafe lo scorso anno, alti e bassi e la certezza che forse le scelte del mister livornese non erano del tutto infondate. Il ritorno al Napoli quindi dopo l’addio di Walter e l’avvento del condottiero madrileno. E’ scoppiato subito il feeling tra il tecnico venuto dal Chelsea ed il difensore centrale argentino.

La scalata di Federico nelle gerarchie di Rafa è stata in parte condizionata dagli infortuni, almeno negli istanti iniziali. Poi le certezze che venivano a galla, la fiducia ritrovata, una sicurezza che migliora di giorno in giorno. Raúl se lo porta quasi per mano nel guidare la difesa azzurra. Complice la presenza del più esperto collega spagnolo, Federico ha fatto passi da gigante evidenti.

Se all’inizio il suo impiego era dovuto alle assenze dei vari Cannavaro e/o Britos, oggi possiamo dire che il centrale nato a Tres Algarrobos è divenuto un punto saldo dello scacchiere difensivo azzurro.

Gioco d’anticipo, capacità di impostare l’azione partendo dalla difesa. Manca solo il gol che speriamo non tardi ad arrivare.