shinystat spazio napoli calcio news Corsa, test medici ed atletici. Benitez mette il Napoli sotto esame

Corsa, test medici ed atletici. Benitez mette il Napoli sotto esame

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Test atletici e medici. Valutazione dello stato fisico degli azzurri, responsi positivi. Numeri positivi parametrati a quelli della precedente valutazione, a fine settembre. Già, perché queste valutazioni vengono fatte ogni due mesi. E le prime risalgono a luglio in ritiro a Dimaro.
Test di corsa, abbinati alla risposta degli atleti come produzione di acido lattico. Questi e altri test predisposti dal preparatore De Miguel e in contemporanea i prelievi ematici e gli altri esami clinici verificati dallo staff medico azzurro con i dottori De Nicola, D’Andrea e Canonico.
Tanti dati che saranno analizzati da Rafa Benitez, tecnico che studia punto per punto i numeri dei suoi atleti e quelli riferiti al rendimento in partita. Una serie di parametri, dai chilometri di corsa percorsi in gara, all’intensità prodotta da ogni azzurro. In generale i riscontri analitici non sono preoccupanti, anche se l’impressione mostrata contro il Parma e nel secondo tempo di Dortmund non è stata esattamente quella di una squadra che scoppia di salute. Benitez e il suo staff lavorano su questa medotologia da anni, anni di successi e proseguiranno in tal senso a cominciare dalla parte atletica che all’ottanta per cento viene svolta con il pallone e il venti per cento a secco. Sarà uguale la filosofia anche dei giorni di riposo post-evento, oppure a stretto ridosso dei tanti impegni ravvicinati.

E si prosegue anche con lo stesso credo tattico, il 4-2-3-1. Il miglioramento della fase difensiva e di quella offensiva passerà comunque attraverso lo stesso sistema di gioco. Bisognerà migliorare nella doppia fase in intensità e convinzione: i numeri sia in merito ai gol subiti che a quelli realizzati sono negativi in riferimento alle ultime tre partite: una sola rete realizzata e ben sette subite.
Contro la Lazio in formazione cambierà sicuramente qualcosa dall’inizio, almeno due o tre le novità. A centrocampo torna Inler con Behrami, in difesa il francese Reveillere ha buone possibilità di esordire da terzino di fascia, al posto di uno tra Maggio e Armero. Ancora indisponibile Hamsik, lo slovacco deve smaltire la forte contusione al piede sinistro che ha causato un’infiammazione all’altezza del secondo e del terzo dito. La sua situazione viene monitorata giorno dopo giorno, la speranza è di poterlo avere contro l’Udinese, troppi pochi i giorni che mancano al match dell’Olimpico. Per la sua sostituzione verrà riproposto Pandev, a meno che Benitez non decida di spostare dietro la punta Callejon o Insigne.

Fonte: Il Mattino

Preferenze privacy