FOTO\ 7 partite in 27 giorni, ecco il tour de force degli azzurri

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Rientreranno non prima di mercoledì sera, stremati. Higuain, Fernandez, Reina e Albiol saranno gli ultimi del plotone di nazionali azzurri a riaggregarsi al gruppo Benitez. I due argentini tornano dagli Stati Uniti, dopo la seconda amichevole (speriamo meno pericolosa della prima) della Seleccion orfana di Messi contro la Bosnia; gli spagnoli dopo essersi sobbarcati un discreto giro d’Africa, volando prima in Guinea Equatoriale e poi tornando a Johannesburg dove nel 2010 hanno conquistato il titolo di campioni del mondo battendo l’Olanda in finale. Oggi, un po’ a sorpresa, Rafa Benitez ritroverà anche Marek Hamsik che dopo la buona prova con la Polonia è stato esentato a prendere parte alla passerella della Slovacchia a Gibilterra. Insomma, alla spicciolata tra domani e mercoledì Rafa riavrà tutti gli azzurri a disposizione in vista dell’ennesimo sprint di questa stagione.

Castel Volturno, dunque, tornerà a ripopolarsi: in fondo è sempre così. Quando la patria chiama, non si può che rispondere. Figurarsi quando a chiamare sono le patrie, le tante patrie che confluiscono nel Napoli, nella sua rosa «united colours»: Castelvolturno si è svuotata per una settimana ed è diventata come il deserto del Gobi. Sono tanti, tantissimi, quasi la metà della rosa, gli azzurri che dopo Juve-Napoli sono partiti per i quattro angoli del mondo. E che ora rientrano.

Così il Napoli inizia sabato con il Parma un discreto tour de force: sette partite in ventisette giorni. E non si tratterà mai di partite banali, perché la stagione entra nel vivo e in campionato non si può perdere terreno, mentre in Champions bisogna qualificarsi alla seconda fase. Gli azzurri iniziano il ciclo con la gara casalinga al San Paolo con i ducali di Cassano ma dentro di sé in molti già penseranno al martedì dopo e alla sfida in Germania al Borussia Dortmund. In pratica il primo, autentico, crocevia dell’annata.
Traduzione: ci vorrà più turnover anche se di turnover a volte Rafa non vuole sentir parlare. Stavolta però è diverso: la rincorsa al primo posto, dopo il ko allo Juventus Stadium riparte sabato sera. E non si può più perdere terreno prezioso. Sarà una rincorsa in apnea, senza pensarci troppo su. Senza calcoli, senza guardare troppo la classifica (ma sbirciarla sì), Higuain e soci scenderanno in campo per cercare di accorciare le distanze da Roma e Juve. Cinque partite di campionato, ma sul cammino ci sono per l’appunto anche due supersfide di Champions. Si inizia col Parma, dunque; poi Dortmund e il lunedì successivo la trasferta all’Olimpico con la Lazio. Piccolo break e poi nuovo tuffo in campionato con l’Udinese. Ancora di sabato. Non c’è tempo per rifiatare e quattro giorni a Fuorigrotta arriva l’Arsenal. La domenica c’è l’Inter e conclusione del ciclo a Cagliari, partita che negli ultimi anni ha sempre vissuto su tensioni spasmodiche e violente polemiche.
Da segnalare che il Napoli affronterà questo ciclo senza Mesto e Zuniga, il cui recupero è previsto, per il primo, per la metà di gennaio e per il colombiano probabilmente per la trasferta in Sardegna. Ma molto più probabile, per non rischiare, che se ne riparlerà nel 2014. Quindi si chiederanno gli straordinari a Maggio e soprattutto ad Armero, a meno che Reveillere non sia pronto al debutto alla ripresa del campionato. Certo, alla vigilia di Natale, dopo due trasferte non proprio semplice come contro Lazio e Cagliari, la classifica azzurra avrà una fisionomia più chiara.
La vera preoccupazione è un’altra: si gioca spesso, quasi una partita ogni quattro giorni di media, e tutte in notturna, con le temperature che si stanno abbassando e col rischio di infortuni che si fa sempre più alto. E tutto provando una rincorsa a perdifiato. Insomma, per il Napoli si profila un calendario terribile. Basterà la serenità del gruppo azzurro a spianare ogni problema e a ripartire come un tempo, leggeri e travolgenti?

Fonte: Il Mattino

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI