shinystat spazio napoli calcio news Pastorello, agente Fifa: "De Laurentiis può fare quello che vuole, la società è solida. Real, Chelsea e Barça non possono permettersi Cavani"

Pastorello, agente Fifa: “De Laurentiis può fare quello che vuole, la società è solida. Real, Chelsea e Barça non possono permettersi Cavani”


pastorello

«Il Napoli può tenersi chi vuole. Non ha problemi di bilancio e De Laurentiis può tranquillamente decidere chi vendere e chi no. E in Europa questo lo sanno tutti». Federico Pastorello è uno dei re del mercato. Vive tra Londra, Montecarlo e Milano e gestisce gli assi del pallone.

Pastorello, chi paga 63 milioni per Cavani? «Ormai sono rimasti davvero in pochi. Anche lo stesso Abramovich che era noto per avere le mani bucate è diventato improvvisamente attento ai bilanci e parsimonioso negli ingaggi. Credo che in questo momento, a meno che il Napoli non sia disposto a fare sconti, l’attaccante sia destinato a restare lì».

E secondo lei De Laurentiis che farà? «È uno che non ha bisogno di vendere per far quadrare i conti della sua società. Questo dà un peso enorme al Napoli: quando un club si siede a trattare un giocatore azzurro, lo fa sapendo di avere dall’altra parte una società finanziariamente solida. Il Milan, per esempio, la scorsa estate, ha dovuto togliersi Ibrahimovic e Thiago Silva per non sprofondare nel dramma economico».

Quindi chi vuole Cavani… «Sa che deve pagare la clausola oppure trattare offrendo giocatori di talento e non rincalzi oppure gente di poco valore».

Edi sogna la Spagna. «Real e Barcellona tecnicamente non possono fare operazioni di mercato in entrata: sono messe malissimo, con le banche che bussano alla porta per vedere rientrare i loro prestiti. Penso che lì nessuno possa spingersi a pagare una simile cifra».

Vale 63 milioni Cavani? «Beh, se si pensa che Falcao è stato pagato dal Monaco più o meno la stessa cifra direi proprio di sì».

Dunque, chi può prenderlo? «Un club in mano a un russo o a uno sceicco. Solo uno di questi se si mette in testa di chiudere un affare lo fa senza badare all’assegno da staccare. Tutti gli altri, compreso il Chelsea, non possono più permetterselo».

Lei gli aumenterebbe l’ingaggio? «Io? Fossi al posto di De Laurentiis certamente no. Credo che 5 milioni siano un ottimo stipendio. Anche perché è vero che ha segnato molto ma non è che poi abbia contribuito a far vincere chissà cosa al Napoli… In giro l’asticella economica si è molto abbassata. La crisi si tocca con mano».

Ma Pepito Rossi non poteva venire a Napoli? «Quando ha deciso di lasciare il Villarreal ha trovato nella Fiorentina un club che ha veramente creduto in lui. E ha detto di sì ai viola».

FONTE: Il Mattino

ULTIME NOTIZIE