shinystat spazio napoli calcio news Riccardo Bigon: "Allenatore futuro? La nostra priorità è Mazzarri. Lasciamo crescere Radosevic, mentre su Cavani..."

Riccardo Bigon: “Allenatore futuro? La nostra priorità è Mazzarri. Lasciamo crescere Radosevic, mentre su Cavani…”


Riccardo BigonRiccardo Bigon è figlio d’arte e con il Napoli ha già vinto…. uno scudetto, quello della stagione ‘89-’90, quando da tifoso degli azzurri, all’epoca allenati dal papà, Albertino, seguiva la squadra al san Paolo e in trasferta. Ex difensore, cresciuto nelle giovanili del Padova, ha giocato soprattutto a livello dilettantistico: ha smesso nel 2004, con il Bassano, quando ha deciso di cominciare la carriera dirigenziale con la Reggina, dove è stato team manager prima e Direttore Generale dopo. E’ arrivato a Napoli nell’ottobre del 2009 ed ha firmato recentemente il rinnovo del contratto per quattro anni. Laureato in Giurisprudenza, Bigon è sposato e con sua moglie Bianca ha due bimbi: Albertino e Ludovica.

Che la storia continui: perché in quell’orizzonte d’un azzurro avvolgente c’è il desiderio sfrenato di resistere e poi di insistere, di restare aggrappati alle stelle e di lasciare che illuminino il Napoli ed il suo cammino imperioso. Meno nove: il destino è racchiuso nei prati di mezz’Italia, là dove l’erba appare sempre più verde (anagraficamente), in quell’alto profilo sottolineato da un decennio ch’è un crescendo. Champions o cos’altro, chi può dirlo? Però, intanto, si può sognare con gli occhi spalancati sull’intero universo, inseguendo talenti allo stato puro per arricchire ulteriormente l’organico, pianificando in anticipo, con Bigon appollaiato (simbolicamente) dietro la panchina, nell’attesa che Mazzarri decida. Il piano A è nei fatti: aspettare il tecnico ed il suo sì; e il piano B – conseguente – è sintetizzato nelle idee esposte senza mezze misure che prescindono dalla figura con cui Bigon sarà chiamato ad interagire poi domani: «Si va avanti con la nostra politica, che si è dimostrata vincente: giovani bravi, di valore, mescolati a calciatori d’esperienza. Il Napoli di De Laurentiis è sempre stato competitivo e vuole esserlo sempre di più». Perché la storia continui.

Il mercato non va mai in vacanza, Bigon…
«Ma parlarne adesso mi sembra prematuro. Il campionato entra nella fase cruciale, la nostra attenzione è rivolta semplicemente alle prossime nove gare».

Vorrà farci credere che altro non fate?
«Non dico questo: il lavoro procede, non ci sono momenti di pausa, però adesso noi abbiamo in testa le sfide che verranno; ci giochiamo il futuro».

Anche un po’ di soldi, quelli della Champions.
«E’ chiaro che una qualificazione diretta dà indicazioni più nette: sai già di doverti misurare con l’èlite e dunque puoi intervenire di conseguenza. Però pensare adesso a strategie o, meglio ancora, a programmi precisi, mi sembra fuori luogo».

Complicato individuare una serie di obiettivi?
«E’ indiscutibile che chi opera sugli aspetti tecnici abbia già provveduto a farsi un’idea: d’altro canto se n’è andata gran parte della stagione, che suggerimenti ne ha offerti. Ma poi la risposta definitiva del campo potrebbe spingere a modificare alcune valutazioni».

Andiamo per gradi: non modificherete la linea societaria?
«Abbiamo portato avanti una pianificazione che si è rivelata vincente, sia sotto il profilo sportivo che economico. Cambiarla non ha senso. E però anche vero che una squadra non si compone solo di giovani, ma richiede una necessaria miscela con l’esperienza: proseguiamo il nostro percorso di crescita».

E restano le ambizioni?
«Il Napoli di De Laurentiis è stato puntualmente competitivo, lo è stato in maniera convincente e sistematica in quest’ultimo quadriennio. Lo sarà, vorrà esserlo, sempre di più. Poi magari non ci riesci, ma questo è un altro discorso».

L’annotazione ricorrente: i rinforzi delle ultime campagne acquisti non hanno dato quanto s’aspettava dopo certi investimenti.
«I risultati rappresentano il frutto d’un lavoro collettivo: vanno in campo i titolari, ma alle fortune di una squadra partecipano tutti, anche chi gioca di meno. Quando siamo arrivati – Mazzarri, il suo staff, io – eravamo sest’ultimi: è stata impressa una svolta, mi pare».

C’è uno zoccolo duro che appartiene al passato, che viene da lontano.
«C’è chi è riuscito a dare tanto ed altri che non si sono inseriti: è fisiologico. Ognuno ha una sua funzione all’interno di un organico e il Napoli di oggi ha venticinque calciatori, moltissimi dei quali, poco meno d’una ventina, appartenenti a questa gestione. Se siamo arrivati in Europa League due volte, se siamo arrivati in Champions, se abbiamo vinto una coppa Italia, se oggi siamo in corsa in questo finale appassionante per un obiettivo importante, ci sono meriti collettivi: i risultati appartengono a tutti, nessuno escluso».

Il mercato dipende dalla figura dell’allenatore, dalla sua idea di calcio.
«Un problema che non si pone: il nostro è Mazzarri. Se ne parlerà alla fine della stagione».

Vuol dire che non state guardando – pensando? – ad altri tecnici?
«Voglio dire che aspettiamo Mazzarri. La prima scelta è lui. L’allenatore del Napoli è lui. E non abbiamo avvicinato altri tecnici, né lo faremo sino a prova contraria. Se poi però pensate che, nel caso in cui dovessimo essere costretti ad intervenire, potremmo correre il pericolo di farci trovare impreparati, allora dissolvo il dubbio: non lo saremo. Noi non guardiamo ad altri, né ci pensiamo, né li contattiamo, ma non abbiamo i paraocchi».

Spostiamo in campo: è giusto dire che Gargano resterà all’Inter?
«Dal punto di vista contrattuale, no».

Correggiamo: è lecito dire che ci sono possibilità che Gargano possa essere riscattato dall’Inter?
«E’ una vostra tesi».

La prima scommessa per l’anno che verrà è Radosevic.
«Ci ha fatto un’ottima impressione, è un ragazzo serio e con grandi prospettive. Non mettiamogli addosso pressioni, lasciamolo crescere».

Vargas ha faticato così tanto da costringervi a testarlo in prestito.
«E sta facendo molto bene in Brasile, è un idolo del tifosi del Gremio. L’Italia non è semplice da affrontare per nessuno, men che meno per un ragazzo poco più che ventenne».

Può risolvere il paradosso Fernandez?
«Sta stupendo: è arrivato in un Getafe in difficoltà ed ora sono a due punti dall’Europa League. A volte sfuggono i motivi di una mancata esplosione: forse sia a lui che a Vargas è mancato lo spazio, ma davanti avevano calciatori inamovibili. Qui è complicato attendere».

Italia o Estero, dove siete orientati a comprare?
«Cerchiamo calciatori bravi, idonei al profilo del Napoli, capaci di tenerci sempre ai livelli raggiunti in questo quadriennio. Importare comporta problemi di ambientamento, ma ciò non rappresenta una preclusione».

Dica la verità, se può: è preoccupato che arrivi un club con 70 milioni (lordi) per Cavani?
«Se versano quanto sottoscritto nel contratto come clausola rescissoria, non posso preoccuparmi. E’ una condizione prevista dagli accordi». 

Fonte: Corriere dello Sport

ULTIME NOTIZIE

CHI SIAMO

Spazio Napoli è un giornale online in cui troverai: news Napoli, calciomercato Napoli, biglietti Napoli, foto Napoli, video Napoli, Primavera Napoli.

NUOVEVOCI

Appendice sportiva della testata giornalistica “Nuovevoci” – Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore editoriale “SpazioNapoli.it”: Antonio Manzo

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale e non autorizzata da SSC Napoli Calcio

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl