shinystat spazio napoli calcio news Zeman: "Domani affrontiamo un Napoli carico ma noi vogliamo vincere. Osvaldo e Totti ci saranno. Insigne? E' il mio pupillo, un giocatore speciale"

Zeman: “Domani affrontiamo un Napoli carico ma noi vogliamo vincere. Osvaldo e Totti ci saranno. Insigne? E’ il mio pupillo, un giocatore speciale”


Zeman: "Domani affrontiamo un Napoli carico ma noi vogliamo vincere. Osvaldo e Totti ci saranno. Insigne? E' il mio pupillo, un giocatore speciale"Zdenek Zeman ha rilasciato alcune importanti dichiarazioni in vista di Napoli – Roma di domani sera al San Paolo durante la consueta conferenza pre-gara. Primo argomento trattato è la stretta attualità e il ritorno roboante del razzismo negli stadi. “Sono cose spiacevoli da cercare di eliminare. Sono questioni di educazione e rispetto che purtroppo non esistono e questi comportamenti si ripetono sempre negli stadi italiani. Bisognerebbe smetterla e cercare di dare degli esempi positivi. E’ difficile valutare quando sospendere una partita e come è complicato capire il gesto di Boateng. Se lo faceva un giocatore non famoso come lui sarebbe stato espulso. Sul campo tutti sono uguali. Vi immaginate quanti cori non ci saebbesero se si giocasse bianchi contro bianchi? Ritorno a Roma dopo la trasferta in Florida ha portato problemi? Il fuso orario secondo me non influisce e non ha influito. Oggi non si è lamentato nessuno, tutti stanno bene e hanno riposato bene. Osvaldo e Totti? Tutti e due non sono al massimo dopo l’influenza dei giorni scorsi. Il Napoli? Sta dimostrando di essere una squadra importante, sta provando a cambiare pelle col mercato di gennaio ma vedremo domani cosa saprà fare. Insigne? E’ il mio pupillo, l’ho avuto 2 anni dove ha fatto la differenza e sono felice che si sia imposto in una piazza piene di pressioni. La mia esperienza al Napoli? Scelsi di andare lì per l’ambiente, città in cui la gente vive di calcio. Si sbagliò tanto nella costruzione della squadra e io credevo che quella squadra potesse lottare per il centro classifica invece di retrocedere. Insigne o Pandev? Insigne amare giocare largo, Pandev invece al centro. Sono due giocatori importanti anche se Insigne darebbe più velocità e fantasia. Il mio ritorno a Napoli? Ho già preso le mie rivincite sul Napoli in passato. Domani dobbiamo giocare e fare il nostro gioco. Rispetto questo Napoli che ha mentalità e giocatori importanti. Ambizioni per il nuovo anno? Vogliamo provare a vincere tutte le gare, crediamo nella Champions e prepararci lontano delle pressioni ha fortificato questo gruppo. Aspetti positivi della tournèè? La società ci è stata vicina e questo ci ha fatto bene. Già con il Milan avevamo avuto un rapporto con la presidenza e adesso questo rapporto si è approfondito sempre di più. Bilancio del girone d’andata? Il nostro bilancio è scritto sulla classifica, domani e nel girone di ritorno vogliamo dimostrare il nostro valore. Siamo vicini alle altre, anche alla Juve, e ci crediamo fino alla fine. Cessioni Stekelemburg e Burdisso? A me non aiuta sapere chi è sul mercato. Oggi non c’è nessuno in lista trasferimenti e non è detto che chi perda il posto debba essere ceduto. Burdisso poi lo considero fondamentale per la difesa. Osvaldo? E’ stato semplicente ammalato, nessuno qui ha fatto il caos che sui giornali invece è stato creato. Adesso è arruolabile per la trasferta di Napoli e non ci sono problemi. Mercato in entrata? Sono contento della rosa che ho, ma a gennaio si cerca il colpo importante a basso costo. Però, se arriva un giocatore nuovo, deve imparare tutti gli schemi e comprare un nuovo giocatore da marzo fino a fine anno è inutile. La squalifica di Marquinhos? L’arbitro ha deciso per l’espulsione con il Milan anche se in tanti sono rimasti perplessi. Peccato che Marquinhos non ci sia domani. Stava dando tanto, con una difesa che sembrava finalmente quadrata. Questa partita può essere già decisiva per la Roma? Ci sono ancora tante partite da giocare, con la consapevolezza di vincerle tutte anche se è impossibile. Sappiamo però che il Napoli può metterci in difficoltà perchè una grande squadra”.