shinystat spazio napoli calcio news Fabio Cannavaro: "Juve ti ringrazio, ma sabato tifo Napoli"

Fabio Cannavaro: “Juve ti ringrazio, ma sabato tifo Napoli”


Fabio Cannavaro, doppio ex nel big match di sabato pomeriggio allo Juventus Stadium, ha analizzato in un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport le sue impressioni, le sue sensazioni ed il suo pronostico su quella che sarà Juventus – Napoli.

Via, dica la verità, da che parte penderanno i suoi sentimenti? Almeno questo potrà svelarlo.

“Non è una questione di cuore o di ragione. Ho grande rispetto per la Juve, che mi ha dato tanto, ho vinto due scudetti. Il cuore, però prevale sulla professione. Io sono napoletano ed il Napoli è la squadra dove sono cresciuto”.

E dove gioca suo fratello…

“Appunto. E questo aspetto non è assolutamente di secondo piano. Paolo è stato ed è uno dei protagonisti del grande rilancio del club dopo il fallimento”.

Accertato che tiferà Napoli, ma che partita sarà? 

“La Juve è la squadra più completa del campionato e il Napoli è l’unico collettivo che al momento può contrastarla. Anche sul piano della qualità non ci sono grandi differenze. Potrà essere determinante il carattere, la voglia di vincere e, soprattutto, la convinzione della propria forza. Insomma, nessuna delle due dovrà avere paura dell’altra”.

Da napoletano, chi toglierebbe alla Juve?

“Buffon, il Maradona dei portieri”.

Da ex juventino, invece, chi non vorrebbe incontrare?

“Cavani, una vera forza della natura. Credo che in prospettiva potrà misurarsi coi grandi del calcio internazionale. Mi riferisco a Cristiano Ronaldo, al colombiano Falcao che, insieme con Messi, rappresentano il massimo in questo periodo”.

Condivide l’attesa spasmodica che sta accompagnando questa vigilia?

“Non dimentichiamo che Juve-Napoli è una delle classiche del nostro campionato, che ha sempre aperto a polemiche e discussioni. Sul piano tecnico e della classifica, la ritengo di primo piano, perché può dare indicazioni importanti per quanto riguarda la questione scudetto. Da tre anni, Walter Mazzarri sta lavorando al progetto tecnico e ritengo che questo lasso di tempo gli sia servito per rillanciare le ambizioni del club e della città. Insomma, lo scudetto è qualcosa di fattibile”.

E pensare che le cessioni di Lavezzi e Gargano avevano creato apprensione nell’ambiente…

“Giocatori importanti, ma De Laurentiis li ha saputi rimpiazzare con intelligenza. Insigne, per esempio, è un talento che dovrà soltanto perfezionare la crescita, mentre Behrami è un vero e proprio scoglio difficile da superare, a centrocampo”.

Non è escluso che debba essere proprio lo svizzero a prendersi cura di Pirlo, la cui classe è sempre più cristallina: condivide?

“Altro che! Stiamo parlando del giocatore italiano più forte in assoluto. Ha delle giocate imprevedibili, che fanno la differenza, come è successo pure martedì sera, con l’Italia, con quell’apertura per il gol di Balotelli”.

Chi potrà decidere questo scontro diretto?

“Gli attaccanti. Vucinic e Cavani rappresentano il valore aggiunto delle due squadre. Per il resto, le difese sono forti, quella del Napoli addirittura è la meno battuta, mentre a centrocampo qualità e forza non mancano a nessuna delle due. Dunque, sarà una questione di punte. Ho letto che Hamsik e Pandev hanno già realizzato 12 reti alla Juve (8 con la maglia del Napoli): per loro due ci sarà una guardia particolare, vedrete, perché Conte cura tutti i particolari tattici e, difficilmente, concederà vantaggi all’avversario”.

Al di là della questione tecnica, si può restringere a Juve e Napoli la lotta per lo scudetto?

“Per quello che sta esprimendo il campionato in questa fase iniziale, direi proprio di sì. Bisognerà capire se il ritorno dell’Inter è da considerarsi definitivo e se Milan, Roma e Lazio sapranno confermare i progressi visti prima della pausa”.

E se la Juve puntasse alla Champions?

“Questa manifestazione è un qualcosa di unico, ma è innegabile che nel corso della stagione porti via sempre qualche punto importante. Ma la Juve è ben strutturata, quest’anno, per andare fino in fondo. Così, lascerebbe lo scudetto alla mia Napoli! Firmiamo?”.

Fonte: La Gazzetta dello Sport