shinystat spazio napoli calcio news Napoli, se ieri ci fosse stato Lavezzi...

Napoli, se ieri ci fosse stato Lavezzi…

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Napoli e Lazio cominciano a essere realtà consolidate. La squadra di Mazzarri ha contorni più definiti. Il terzo posto conquistato nel 2011 e la Champions dell’anno scorso sono passaggi fondamentali nel processo di crescita. Gli azzurri giocano con meccanismi consolidati e un rendimento via via più costante, attorno ai Cavani e agli Hamsik.

L’incognita, oggi, è data dal modo in cui Pandev o Insigne riusciranno a riempire il vuoto lasciato da Lavezzi, giocatore pesante nelle partite importanti. Il resto è persistenza e ricerca di un’equilibrata forza mentale che ieri si è dissolta, a Catania. Il Napoli ha avuto l’opportunità di giocare quasi tutta la partita con un uomo in più e non è riuscito a sfruttare il vantaggio, sul piano del gioco e del risultato.

Ci vuole un buon De Sanctis, nel finale, per congelare almeno il pari sul campo del Catania. Apparentemente inattaccabile e indistruttibile — alla vigilia — il Napoli si arena davanti a uno dei suoi tabù: non ha mai vinto con Mazzarri sul campo dei siciliani.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

Preferenze privacy