shinystat spazio napoli calcio news Per il Napoli non c'è sosta. Venerdì c'è la Fiorentina

Per il Napoli non c’è sosta. Venerdì c’è la Fiorentina

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Per il Napoli, e per Mazzarri, non c’è tempo di gioire per le vittorie o rattristarsi per le sconfitte le risposte bisogna darle sul campo così come impongono i calendari nazionali e internazionali. Venerdì sera, ancora da decidere l’orario ufficiale del calcio d’inizio, il Napoli sarà impegnato a Firenze in una trasferta non semplice. Ieri mattina a Castel Volturno Mazzarri e i suoi collaboratori hanno fatto svolgere un allenamento defaticante a chi aveva preso parte alla gara contro il Chievo mentre gli altri hanno disputato una partitella tra di loro. La seduta di questo pomeriggio vedrà invece svolgere il solito lavoro tecnico-tattico mentre nella rifinitura di domani spazio agli schemi su calci piazzati che proprio nella gara di lunedì hanno dato i suoi frutti con il gol di Britos. Tutto ciò senza dimenticare la sfida di martedì sera al San Paolo contro il Chelsea. Proprio per questo motivo anche con la Fiorentina, così come dice Il Mattino, ci sarà un mini turn over. In difesa dovrebbe essere certo il ritorno in campo di Cannavaro che ha scontato il turno di squalifica, al suo fianco molto probabile la riconferma di Britos che ha bisogno di giocare per trovare la migliore condizione e anche per dar fiato ad Aronica. Possibile anche il rientro di Campagnaro ma  barlumi di speranza ci sono anche per Fernandez. A centrocampo dovrebbe rientrare Dzemaili e a dargli spazio dovrebbe essere Gargano motorino inesauribili delle ultime partite, sulle fasce Maggio e Dossena. I dubbi più forti per Mazzarri riguardano l’attacco. Hamsik e Cavani hanno sempre giocato anche per l’assenza di sostituti. Lavezzi deve rientrare in forma e ha bisogno di minuti. Dovrebbe essere Pandev quello sacrificato a partire dalla panchina ma non si escludono sorprese dell’ultimo minuto. La trasferta di Firenze deve sfatare anche il tabù delle gare giocate dagli azzurri prima delle sfide di Champions in quanto un risultato utile a Firenze potrebbe far fare un salto importante in classifica agli azzurri che adesso sono a meno uno dalla Roma e a meno due dall’Inter. Mazzarri dovrà lavorare attentamente sul piano motivazionale e far capire ai suoi uomini che prima del Chelsea c’è la Fiorentina.

Fonte: Il mattino

Preferenze privacy