shinystat spazio napoli calcio news SpazioVela, un weekend speciale

SpazioVela, un weekend speciale


Un weekend particolarmente impegnativo e ricco di appuntamenti è stato quello appena terminato, “velisticamente” parlando. Si è trattato, infatti, di un fine settimana caratterizzato dal repentino ingresso dell’autunno, che, presentandosi con vento forte e mare mosso, ha messo a dura prova i velisti impegnati ad affrontare le varie regate.

La prima regata in ordine di tempo, infatti, è stata quella legata al trofeo Giovanni Cuomo, organizzato dalla Lega Navale di Ischia e di Pozzuoli e facente parte del Campionato delle Isole, iniziato lo scorso  settembre con l’Ottovelante.

Questa regata, già di per sé impegnativa a causa del lungo percorso che prevede il giro delle isole del golfo di Napoli  con partenza notturna, quest’anno si è rivelata particolarmente difficoltosa per le avverse condizioni meteo.

La partenza, infatti, è avvenuta intorno alla mezzanotte di venerdì 7 nelle acque antistanti il Castello di Ischia, in condizioni di pioggia e mare molto mosso, con onde che superavano i 2 metri di altezza.

Il vento, invece, inizialmente un libeccio di circa 10 nodi, è girato a grecale nel corso delle ore, aumentando di intensità e rendendo particolarmente impegnativo il giro dell’isola di Capri, dove i velisti si sono dovuti misurare con onde alte, temporale in atto e vento che superava i 25 nodi.

Le imbarcazioni si sono poi dirette verso la tappa successiva, ossia Nisida, per  proseguire successivamente verso l’isola di Procida ed infine concludere la regata davanti al porto di Ischia, per un totale di circa 46 miglia.

La premiazione di questa regata e dell’intero Campionato delle Isole, è avvenuta domenica presso la Lega Navale di Ischia, dove sono stati premiati i primi 3 classificati del campionato, ossia: per la classe ORC A: primo posto per “Shere Khan”, secondo posto per “Zen II” e terzo posto per “Tattoo”. Per la classe Libera A, invece : primo posto per “Acube”, secondo posto per “La mia Piccola” e terzo posto, infine, per “Lady Fuzikian- CIA Sailing Team”, un terzo posto tutto femminile e particolarmente soddisfacente, essendo questo il primo campionato cui questo equipaggio così formato partecipi. 

Domenica, invece, nel golfo di Napoli, si è tenuta la 9° edizione del trofeo “Una Regata con Persone Speciali”, organizzato dalla Lega Navale di Napoli. Nell’ambito di questo trofeo ogni imbarcazione ha avuto a bordo un ragazzo affetto dalla sindrome di Down, a dimostrazione che in nessuno sport, e meno che mai nella vela, esistono barriere tra le persone. Ed è proprio con lo slogan “essere differenti è normale, anche nello sport”, che i velisti hanno partecipato alla regata, la quale, tecnicamente, si è rivelata anche in questo caso molto impegnativa a causa del vento che ha superato più volte i 30 nodi, costringendo, tra l’altro, molte imbarcazioni al ritiro.

La regata si è conclusa, infine, con la vittoria, nelle varie classi, di: “Patricia” di Mimmo Buonomo,  “Vagamondo” di Raffaella Borriello, “Twist” di Arnone, “Artiglio” di Alberto La Pegna e Giovanni De Pasquale, “Niente Male” di Giuseppe Osci e Riccardo Calcagni e “Calypso” di Giuseppe Onorati.

Ciliegina sulla torta, infine, è stata la premiazione, tenutasi presso la base nautica della Lega Navale di Napoli, che ha visto la partecipazione del sindaco di Napoli Luigi de Magistris, il quale, in veste sia “formale” di sindaco e di rappresentante del Comitato d’onore della regata, sia “informale” di amico della Lega Navale, ha premiato i velisti e tutti i ragazzi che hanno partecipato alla regata.

Il primo cittadino, infine, ha ancora una volta manifestato il suo interesse per la vela, cogliendo l’occasione per visitare la storica barca “Italia”, varata nel 1936 e vincitrice nello stesso anno della medaglia d’oro all’Olimpiade a Kiel (Germania).

Di questo weekend restano, così, le coppe per i vincitori e l’impegno dimostrato nel fronteggiare il forte vento, ma restano, sopra ogni cosa, i sorrisi e la spontaneità che i giovani ospiti hanno saputo regalare ai velisti che li hanno ospitati in barca, ricordando loro quali siano le VERE VITTORIE.  

 Marilù Limone