shinystat spazio napoli calcio news Marco D'Amore a Spazionapoli, tra carriera e amore per gli azzurri

ESCLUSIVA – Marco D’Amore: “Ho sentito alcuni calciatori azzurri… A Napoli vorrei vedere De Bruyne! Vi spiego la differenza tra me e Ciro Di Marzio”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter
marco d'amore

Si chiama Marco D’Amore (il suo account Instagram), ma il suo alter ego è Ciro Di Marzio, protagonista amatissimo di Gomorra La Serie e de L’Immortale.

Attore e regista di successo, Marco ha parlato in esclusiva ai nostri microfoni, con la simpatia e l’umiltà che lo contraddistinguono, della sua passione per il calcio, del suo tifo per il Napoli e dei suoi punti in comune con “Ciro“:

MARCO D’AMORE INTERVISTA A SPAZIONAPOLI

Marco, da appassionato di calcio e grande tifoso del Napoli, qual è l’auspicio per la fine di questo campionato ormai compromesso a causa dell’emergenza sanitaria e come pensi sia giusto procedere?
“Più che sullo sport, la soluzione ricade sull’economia. Se non ci fossero tutti questi interessi in ballo, si potrebbe rispondere che questo campionato non è mai stato giocato, visto che manca un girone intero di ritorno, quindi si dovrebbe riprendere daccapo l’anno prossimo. C’è la possibilità che si riprenda in estate, mi auguro che questo sia possibile perchè significherebbe tornare alla normalità, se si potesse giocare con il pubblico significa che ne siamo usciti indenni e ne sarei più che contento”.

marco d'amore
Marco D’Amore e Dries Mertens

Se il campionato non fosse stato compromesso, come avresti visto il Napoli? Dove si sarebbe posizionato in classifica secondo te?
“Quinto o sesto posto, immaginavo per il Napoli una qualificazione in Europa League, sperando anche di riuscire ad arrivare alla finale di Coppa Italia e giocarsela. Sicuramente non aveva nel mirino il quarto posto dell’Atalanta che stava andando alla grande e si meritava quella posizione”.

Quale calciatore ti piacerebbe vedere nel Napoli?
“Sicuramente De Bruyne del Manchester City, ha tutto: quantità, qualità, muscoli, cervello e cazzimma! Ha i capelli rossi, poi, e questa è una connotazione particolare che ha a che fare con la furbizia e l’estro”.

Per la prossima stagione confermeresti Gattuso come allenatore?
“Secondo me se l’è conquistata sul campo, con il gioco, i risultati e l’abnegazione. Sicuramente non ha avuto chissà quanto tempo, non lo dicevo all’inizio quando le cose andavano male, non lo dico adesso che il Napoli ha conquistato sette vittorie su otto partite. Penso, però, che per quanto visto finora, meriti di essere confermato.

MARCO D’AMORE GOMORRA

Tutti conosciamo il grande successo di Gomorra e de L’Immortale. Marco e Ciro si somigliano? Se sì, quali punti hanno in comune?
Sicuramente entrambi non andiamo dal barbiere a tagliarci i capelli da un po’ di tempo, e su questo siamo uno lo specchio dell’altro (ride, ndr). Ma da un punto di vista biografico no, non ci somigliamo. Io sono stato molto più fortunato di lui, ho avuto una famiglia, ho ricevuto un’educazione e ho avuto la possibilità di poter scegliere e di fare tante cose belle nella vita, cosa che lui non ha avuto. Forse, però, come qualche pedagogo del mio mestiere afferma, indagando sul rapporto che intercorre tra attore e personaggio, c’è sempre uno scambio, quindi sicuro qualcosa di lui c’è in me, e qualcosa di Marco è rimasto in Ciro!”.

LA PASSIONE PER IL NAPOLI NAPOLI

marco d'amore
Marco D’Amore e Salvatore Esposito

Così come Salvatore Esposito, tuo caro amico, anche tu hai un rapporto di amicizia con alcuni calciatori del Napoli. In questo periodo hai sentito qualcuno?
“Salvatore chi? Siamo come Stanlio e Ollio ma è tutta una finta, in realtà ci odiamo! (ride, ndr) Ho sentito Lorenzo, Kalidou, Mertens di cui sono molto amico, il napoletano Ciruzzo Immobile che ha rivisto il film e mi ha fatto i complimenti, e ho sentito anche Allan e Jorginho. Già tra di noi c’è un rapporto fatto di messaggi dato che siamo sempre tutti in giro, poi soprattutto in questo periodo in cui non possiamo muoverci, usiamo molto i social per comunicare”.

GUARDA ANCHE: Risate con Salvatore Esposito: Insigne, Koulibaly e Luperto si sfidano con un quiz sulle Serie TV! (VIDEO)

Quali sono gli impegni professionali che l’emergenza Coronavirus ha rimandato?
Eravamo alle prese con la preparazione della quinta stagione di Gomorra, che mi vede impegnato su più fronti tra cui regia e supervisione editoriale, perchè, insieme a Claudio Cupellini, sono il direttore artistico. Ci siamo fermati come tutti e aspettiamo di capire questi tempi imprevedibili“.

A cura di Alessandra Santoro
RIPRODUZIONE RISERVATA

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI

Preferenze privacy