shinystat spazio napoli calcio news Hamsik: "Di Napoli mi manca ogni cosa. Lo Scudetto perso brucia ancora, non me lo sarei perso per tutto l'oro del mondo. L'addio non è stato come volevo"

Hamsik: “Di Napoli mi manca ogni cosa. Lo Scudetto perso brucia ancora, non me lo sarei perso per tutto l’oro del mondo. L’addio non è stato come volevo”


Hamsik a tutto tondo sul suo passato al Napoli

Marek Hamsik ha rilasciato un’intervista al quotidiano Il Mattino:

“Cosa mi manca di Napoli? Ogni cosa. Il cibo, gli amici. Quella è la mia casa, lo è stata per dodici anni. Mi manca il tifo della gente. Mi manca una partita come quella contro la Juventus, che è in grado di dare sensazioni uniche”.

Meret-Ronaldo? Difficile, se Ronaldo non alza la gamba si può far male, ma è anche vero che Meret non lo tocca. Stare al posto dell’arbitro non è mai cosa semplice.

Vincere lo scudetto al Napoli, rendere felici i napoletani, sarebbe stata una cosa incredibile che non mi sarei perso nemmeno per tutto l’oro del mondo. Juve? Non ci ho pensato mai, sono contento delle scelte fatte, per il Napoli e la sua maglia ho dato tutto. Cosa ho detto ad Insigne dopo il rigore? Che è il numero uno e il più forte di tutti.

Sull’addio, invece, le parole più scottanti:

Non è stato come volevo, uscendo dal campo con la Sampdoria non sapevo come sarebbe andata a finire. Ma è stato tutto rapido e improvviso, in poche ore ho detto sì e parlato ai miei compagni. Ritornerò per salutare i tifosi. Lo Scudetto perso l’anno scorso è una ferita che brucia ancora, ci siamo arrivati davvero ad un soffio. Perso in albergo? No, non è così. Le partite si perdono in campo, penso di averlo perso contro la Fiorentina. Dirigente o allenatore? Mi vedo in giro con i miei amici di Pinetamare a vedere partite allo stadio e divertirci”.