shinystat spazio napoli calcio news "Il Napoli non sa giocare in contropiede! Ma Scherzi?", Mauro e Bergomi danno via al dibattito su SKY!

“Il Napoli non sa giocare in contropiede! Ma Scherzi?”, Mauro e Bergomi danno via al dibattito su SKY!


Il pareggio per 0-0 del Napoli a Verona con il Chievo ha scatenato i dibattiti nei vari studi TV. Anche a SKY si è parlato tanto della partita odierna, ma anche della stagione azzurra.

Ad aprire la discussione è stato Massimo Mauro: “Mi piacerebbe vedere anche qualcosa di diverso dal Napoli, ecco perché mi aspetto qualcosa da Sarri. Bisogna fare qualche cambio, anche tattico se serve perché la sensazione è che non si possano reggere questi ritmi. Vorrei vedere un Napoli che arriva fino in fondo sia in campionato che in Champions League, sono convinto che le potenzialità dei giocatori e dell’allenatore lo permettano. Il Chievo? Ha fatto sano catenaccio, senza offendere nessuno. Ecco perché, fossi stato nel Napoli, ad un certo punto della gara avrei fatto io una gara difensiva provando a far uscire il Chievo dalla propria metà campo“.

A quel punto interviene Beppe Bergomi: “Il Napoli ha tutti giocatori rapidi, ma non di gamba. La squadra non è adatta per fare il contropiede“. “Scherzi? – ribatte ancora MauroHo visto fare dei contropiedi micidiali, oltre che spettacolari agli azzurri contro le grandi squadre. Se c’è una squadra che ti ammazza se gli dai campo è proprio il Napoli“. Riprende poi la parola Bergomi: “Sarri è certamente un allenatore intelligente e preparato, ma chi ha per sostituire il tridente? Può fare turnover soltanto a centrocampo. Diventa difficile cambiare qualcosa soprattutto con un gioco così collaudato. Diciamoci la verità, quale giocatore del Napoli giocherebbe nelle altre big d’Europa? Quelli del Manchester City credo dovunque, ma quello del Napoli? Lo stesso Mertens credo che non possa fare gli stessi gol in un’altra squadra. Il Napoli ha sbagliato a lasciare andare un giocatore come Zapata, è cresciuto tantissimo nei due anni ad Udine e ora lo sta facendo vedere alla Samp“.

E dove avrebbe giocato? – irrompe Alex Del PieroHo sentito Giampaolo dire che non si aspettasse i miglioramenti fatti da Zapata nelle ultime settimane, magari quando Sarri lo ha allenato in ritiro non vedeva queste qualità perché il giocatore non le stava ancora esprimendo. Poi non sono d’accordo su chi dice che Sarri debba cambiare. Il Napoli si ispira al Barcellona che è una squadra che non cambia mai. Anche tutti quei passaggi, che possono sembrare inutili, in realtà permettono ai giocatori si riposare con il pallone. Quindi il possesso azzurro è importante e poi Sarri punta su 11 che gli danno tante garanzie e cambiano poco. L’unico uomo che poteva cambiare qualcosa nel Napoli era Milik. Il grande passo in avanti che il Napoli sta facendo è in testa e non nelle gambe“.

Chiude la discussione l’ex calciatore dell’Inter, Esteban Cambiasso: “Oggi il Chievo non avrebbe mai dato campo al Napoli, piuttosto gli avrebbero regalato ogni volta il pallone. Quello che volevo sottolineare è che gli azzurri nell’ultimo periodo stanno giocando tutte partite tirate, mentre qualche settimana fa le chiudeva al sessantesimo. Questo credo sia sintomo di stanchezza, giocare partite tirate ogni 3 giorni non è facile. Cambiare il modo di giocare? Non vedo perché debbano farlo. Stanno costruendo una mentalità ed è giusto che proseguano su questa strada. D’altronde lo stesso Barcellona, indipendentemente dal risultato e dall’avversario, non cambia mai sistema di gioco, inoltre schierano quasi sempre gli stessi giocatori. Credo sia giusto continuare così“.