shinystat spazio napoli calcio news Moggi va all'attacco: "Se condannano Agnelli, devono condannare tutti. Il Napoli si lamenta, poi ha tre rigori a favore"

Moggi va all’attacco: “Se condannano Agnelli, devono condannare tutti. Il Napoli si lamenta, poi ha tre rigori a favore”


Dalle colonne dell’edizione odierna di Libero, Luciano Moggi lancia accuse durissime al mondo del calcio, e prova a difendere la Juventus: “Ci risiamo, quando uno è più forte dà fastidio a tutti. Undici anni fa erano morto l’avvocato Agnelli e Umberto, oltre a Chiusano, c’era un’eredità da dividere. Era un momento difficile e tutti si sono buttati contro la Juve. Oggi è diverso”.

“Nel 2006 mi hanno voluto incastrare. Se l’Avvocato e Umberto fossero stati in vita certe cose non sarebbero successe. Il legale della Juve anziché difenderci chiese la retrocessione in Lega Pro della società. Io non volevo prendere la Juve, lo dicevano di Giraudo perché non lo conoscevano. Ha le tenaglie nelle tasche, non infila mai le mani dentro. Il Consiglio di Stato ha dichiarato la propria incompetenza a decidere riguardo la mia radiazione a vita. La sentenza vera la aspetto dalla Corte Europea dei Diritti Umani e mi riabiliterà. Sono legato alla Juve perché le facce in società sono cambiate rispetto al 2006. E poi non posso negare di avere qualcosa di bianconero nel sangue”.

“In Italia se emergi ti tagliano la testa. L’unico problema di Andrea Agnelli è di aver fatto troppo bene. Ha fatto rinascere la Juve dopo anni bui, coniugando perfettamente i successi sportivi al guadagno economico e si è affidato a collaboratori capaci come Marotta e Paratici. La storia della ‘ndrangheta è una cazzata. Se leggi e non sai puoi pensare di tutto, anche che il Consiglio di Stato mi abbia radiato, quel che appare spesso non è la verità. Quando ti occupi di calcio ti avvicinano migliaia di persone, magari anche solo per un selfie. Tu non puoi chiedere a tutti di esibire il loro casellario giudiziario. Può darsi che Agnelli abbia sottovalutato, di certo non sapeva. Se condannano Andrea, devono condannare tutti i presidenti delle società di calcio. Chiunque ha rapporti con le curve e regala biglietti per evitare il peggio”.

“Napoli, Roma, Inter e Milan piangono per ottenere favori, è il lamento dei perdenti. Dopo averci attaccato, il Napoli ha avuto 3 rigori in due partite (ndr 4 in realtà). Gli arbitri nei casi incerti è più probabile che fischin0 a favore della grande squadra. Non succede solo con la Juve. Lo fanno per fare carriera”. 

Preferenze privacy