shinystat spazio napoli calcio news Maran: "La squadra ha fatto quello che poteva, è un peccato aver preso goal su palla inattiva"

Maran: “La squadra ha fatto quello che poteva, è un peccato aver preso goal su palla inattiva”


Rolando Maran ha parlato ai microfoni di Mediaset Premium al termine di Napoli-Chievo. Ecco le sue parole:

“Ci abbiamo provato contro un buon Napoli, siamo stati bravi ad andare subito in vantaggio. E’ un peccato aver subito la seconda rete su calcio piazzato, ad inizio ripresa abbiamo avuto delle occasioni. Il terzo goal ha complicato le cose. Alla fine sono mancate le forze, però la squadra ci ha provato con generosità. Dobbiamo pensare alla prossima partita. Nel primo tempo non riuscivamo a chiudere bene perché non riuscivamo a chiudere a destra, nel secondo tempo siamo cresciuti. La squadra ha fatto quello che potevamaran

Paloschi? Il Chievo deve fare delle cessioni non desiderate. In concomitanza abbiamo avuto Meggiorini, Floro Flores e Inglese che cercano la forma migliore. Dobbiamo lavorare su chi c’è. Molti giocatori hanno bisogno di crescere perché non hanno giocato molto. Nella nostra parte destra non abbiamo chiuso come dovevamo, infatti è arrivato così il primo goal del Napoli”. 

Queste le sue parole a Sky: “Potevamo fare meglio, in certi frangenti non siamo stati molto precisi. Potevamo essere più lucidi e ripartire, la squadra ha provato a fare le cose come sempre, con sacrificio, qualche volta potevamo osare di più. Per fare bene qui devi fare la partita perfetta. Il Napoli sta bene, costruisce molto, i numeri parlano per loro. Sapevamo di trovare un Napoli in salute, dopo il terzo gol è diventato tutto più difficile. Nel finale abbiamo pagato un po’ che alcuni giocatori devono ritrovare la condizione. In questo momento facciamo un po’ fatica a coprire il campo, dobbiamo recuperare certi giocatori e migliorare su certi aspetti. Abbiamo cambiato caratteristiche dopo la partenza di Paloschi, è normale che si valutino altri aspetti ed altri sistemi di gioco. Dobbiamo finire in crescendo e superarci, dobbiamo essere consapevoli che si deve crescere di partita in partita e ipotecare la salvezza. Dobbiamo crescere con personalità, abbiamo tanti margini di crescita”

Preferenze privacy