Home » News Calcio Napoli » Dallo Swansea al Trabzonspor, quanto è cambiato il Napoli in un anno. Gli azzurri spaesati in Galles sono soltanto un ricordo lontano

Dallo Swansea al Trabzonspor, quanto è cambiato il Napoli in un anno. Gli azzurri spaesati in Galles sono soltanto un ricordo lontano

Non è bastata la carica dei propri tifosi al Trabzonspor: il Napoli si è imposto in Turchia per 4-0, ipotecando la qualificazione agli ottavi di finale dell’Europa League. La strada verso Varsavia non poteva iniziare meglio per gli azzurri, partiti per Trebisonda con l’intenzione di riscattare la prova deludente di Palermo.

RICORDI POCO FELICI. Qualificazione in cassaforte, dunque, per il Napoli che può pensare serenamente alla partita di ritorno e all’impegno di campionato contro il Sassuolo. Nel frattempo, però, la mente corre a circa un anno fa, precisamente al 20 febbraio 2014, quando i partenopei si giocavano la qualificazione agli ottavi di finale dell’UEL sul campo dello Swansea in Galles. Novanta minuti e una sofferenza immensa dopo, la squadra di Benitez riuscì a strappare uno 0-0 preziosissimo ai fini della qualificazione finale. I padroni di casa, infatti, misero alle strette il Napoli che fu salvato soltanto da alcuni notevoli interventi dei propri portieri.

LEGGI ANCHE:   Mercato Napoli: gli azzurri offrono una contropartita al Verona per l'obiettivo, la risposta degli scaligeri

Già, portieri, al plurale, perché Rafael, sul finale di primo tempo, dopo aver compiuto due prodezze su Dyer e Bony, fu costretto a lasciare il campo a Reina per un grave infortunio. Il portiere brasiliano è tornato a calcare i terreni da gioco soltanto a luglio. Anche il numero 25 spagnolo al Liberty Stadium si distinse per alcuni interventi provvidenziali, i più notevoli su Williams e Routledge. Per farla breve: un’agonia per il Napoli che riuscì tuttavia a portare a casa lo 0-0, conquistando con il 3-1 del ritorno (curiosità: rete dei gallesi segnata da De Guzman) la qualificazione agli ottavi.

LEGGI ANCHE:   Brekalo-Napoli: spunta la richiesta del Wolfsburg, gli azzurri hanno un asso nella manica

CAMBIO DI ROTTA. Tutta un’altra musica rispetto a quella ascoltata in Turchia: la sinfonia azzurra ha stordito il Trabzonspor. Un Napoli grintoso e caparbio ha asfaltato i padroni di casa ipotecando di fatto la qualificazione. L’atteggiamento giusto, ben diverso da quello rinunciatario mostrato circa un anno fa in Galles. Finalmente qualcosa è cambiato anche in Europa, ed è il primo passo per puntare – perché no – alla finale di Varsavia.

Vittorio Perrone