shinystat spazio napoli calcio news MERCATO Napoli Paul Josè M'Poku

Paul Josè M’Poku, il gioiellino belga che ha stregato il Napoli


Paul José M’Poku Ebunge, in breve M’Poku, nasce a Kinshasa in Congo il 19 aprile del 1992, è un esterno offensivo in forza allo Standard Liegi. Quando comincia a dare i primi calci ad un pallone emigra con la famiglia in Belgio e prende subito il via la sua carriera di calciatore; nel 1998, all’età di 6 anni, gioca con il Cornesse FC, piccola squadra della provincia di Liegi, per poi passare nel 2002 all’Entente Rechaintoise. Qui attrae i riflettori di una big del calcio belga, lo Standard Liegi, che non perde tempo e nel 2004 si assicura le sue prestazioni; il giovane M’Poku fa tutta la trafila nel vivaio del club e nel 2007 viene convocato dalla nazionale under 15 del Belgio, totalizzando 5 presenze e 2 goal.

Lo Standard decide di fargli fare esperienza all’estero e nel 2008 lo gira in prestito al Tottenham che per due anni lo lascia crescere nelle giovanili dove comincia a segnare e a mostrare il suo talento; al contempo arrivano anche le convocazioni con l’under 16, 17, 18 e 19 belga. Nel 2010 a sua volta gli Spurs lo girano in prestito al Leyton Orient che lo fanno esordire da professionista il 28 settembre contro il Walsall; il 7 dicembre sigla anche il suo primo goal nel calcio inglese, in FA Cup contro il Droylsden. Dopo aver totalizzato 33 presenze con il club d’oltremanica lo Standard Liegi decide di riportarlo in patria e dal 2011 ad oggi iscrive sul suo palmares 66 presenze e 16 goal conquistando anche la maglia dell’under 21 belga.

Adesso il Napoli lo ha messo nel mirino considerando, tra le diverse qualità, la sua spiccata duttilità tattica; può giocare infatti sia sulla fascia sinistra dove è più libero di puntare l’uomo e accentrarsi per provare la conclusione col suo destro, sia sulla fascia sinistra dove può involarsi per mettere cross dalla fascia.
Ha una clausola rescissoria di 3,9 milioni ma lavorando la cifra potrebbe scendere fino ai 3 milioni e permetterebbe al Direttore Bigon di portare all’ombra del Vesuvio un giocatore dal talento cristallino.