shinystat spazio napoli calcio news Alla scoperta dell'Olympiakos, la squadra regina di Grecia

Alla scoperta dell’Olympiakos, la squadra regina di Grecia


Stasera al San Paolo andrà in scena l’ultima amichevole pre-campionato del Napoli: avversario di turno sarà l’Olympiakos, il club greco più titolato e squadra campione di Grecia la scorsa stagione. L’Olympiacos però non è solo una squadra di calcio, ma è in più in generale una polisportiva che comprende ben 17 sezioni agonistiche, tra cui spiccano la squadra di calcio ma anche quella di basket, tra le più forti in ambito europeo.

LA STORIA – La squadra di calcio nacque il 10 marzo 1925 ed è, come detto, il club calcistico più titolato in Grecia avendo vinto 39 volte la Super League Greece, 24 volte la Coppa Nazionale e 4 volte la Supercoppa. Non è altro che una fusione di due antiche società, il “Piraeus Football Club” ed il “Piraeus Fan Club“: come si può ben capire, la città rappresentata è proprio Il Pireo. Il simbolo della squadra è un giovane con una corona di ulivo in testa che secondo l’antica usanza greca rappresentava il premio per i vincitori delle Olimpiadi. Il periodo peggiore della storia del club parte dalla stagione 86/87 e finisce in quella 96/97: dopo tante vittorie tra campionato e coppa, la presidenza viene affidata ad un uomo d’affari che fu presto condannato per malversazione lasciando la società in grave crisi economica e che così non riuscì a portare a casa, in questo decennio, alcun titolo nazionale. Per il resto, poi, a partire dai primi anni ’30 fino ad arrivare al giorno d’oggi è stata la squadra più continua, arrivando a portare in bacheca ben 67 trofei nazionali.

LA SQUADRA E L’ALLENATORE – E’ fondamentalmente l’ossatura della Nazionale greca vista ai campionati europei di Polonia ed Ucraina: il centrale Avraam Papadopoulos, i terzini Torosidis ed Holebas, i mediani Maniatis e Fetfatzidis per arrivare all’attaccante rivelazione della scorsa stagione Mitroglou, appena acquistato dall’Atromitos. L’allenatore è un volto nuovo: il giovanissimo portoghese Leonardo Jardim, appena 38 anni, ex allenatore dello Sporting Braga, che ha firmato un contratto di due anni, andando a sostituire l’ex coach Ernesto Valverde.

I PUNTI DI FORZA – Oltre all’ossatura greca che fornisce una grande organizzazione e compattezza alla squadra, uno dei punti di forza è senza dubbio il reparto offensivo, dotato di giocatori importanti dal punto di vista tecnico, fisico e realizzativo: la stella è sicuramente l’algerino Djebbour, ma non dimentichiamo il croato Pantelic ed il belga Kevin Mirallas, autentici mattatori dell’area di rigore, assistiti da un centrocampo che oltre a fornire dinamismo con Maniatis e Fetfatzidis, può garantire grande fantasia con l’argentino Ibagaza e lo spagnolo Fuster oltre al nuovo arrivo, conoscenza del nostro calcio, Leandro Greco.

Christian Sorrentino