shinystat spazio napoli calcio news La napoletanità di Morgan De Sanctis

La napoletanità di Morgan De Sanctis

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Dichiarazione d’amore, parole da leader di spogliatoio, Morgan De Sanctis è il capitano morale degli azzurri. L’abruzzese oltre ad essere superlativo tra i pali, ad ogni intervista mostra una curata proprietà di linguaggio, dosa bene i suoi pensieri e non cade nella trappola dei soliti cliché.

Morgan nel post partita di Napoli-Udinese è l’unico a descrivere con sincerità e pacatezza gli obiettivi degli uomini azzurri. La sua tabella di marcia, i famosi 8 punti che mancano per Champions, è la dimostrazione che il portiere da “grande” ha scelto di restare nel mondo del calcio: dietro ad una scrivania o sulla panchina?

Tutta questa napoletanità decantata in giro, non mi piace sempre, da lontano è facile. Il vessillo va difeso qui e non da fuori. Napoli è di tutti”. A nostro avviso il guardiano del Napoli ha voluto tutelare, anche fuori dal rettangolo di gioco la città. Quando le cose vanno bene è facile salire sulla carrozza della vincitori. Questo non vuole essere un messaggio di polemica, ma solo la dimostrazione del grande affetto reciproco tra De Sanctis, la città e  il popolo del San Paolo.  Morgan è tifoso da sempre del Napoli: “sono voluto venire fortemente e posso confermare che ho fatto la scelta giusta”.

Alessandro D’Auria

Preferenze privacy