Home » News Calcio Napoli » La Champions riempie le casse del Napoli: quanto hanno ricavato gli azzurri fin qui?

La Champions riempie le casse del Napoli: quanto hanno ricavato gli azzurri fin qui?

Termina con un 1-6 inflitto all’Ajax ad Amsterdam la prima parte del girone di Champions League del Napoli. 3 vittorie, 9 punti, 13 gol fatti e 2 subiti: queste le statistiche dei partenopei nelle tre gare europee di questa stagione. Risultati, gol e tanto gioco per gli azzurri di Spalletti che, con una qualificazione quasi del tutto ipotecata, possono guardare serenamente ai prossimi impegni.

A giovare di tali risultati, oltre a squadra e tifosi, sono però le casse della società in forte guadagno, come sottolineato da Calcio e Finanza. Secondo gli ultimi dati infatti, il ricavo minimo del Napoli, al termine di questa stagione, potrebbe ammontare a circa 49 milioni di euro nel peggiore dei casi, quindi con non poche possibilità di crescita.

FOTO: Getty – Giovanni Simeone

Tutto ciò dipenderà infatti dal continuo del percorso europeo degli azzurri che, ad oggi, hanno incassato già 8,4 milioni di bonus in seguito ai risultati contro Liverpool, Rangers ed Ajax. A questa cifra vanno inoltre sommati i 15,64 milioni del bonus partecipazione (uguale per tutti), i 18,2 milioni portati dal ranking storico decennale (incassi superiori a quelli di Milan ed Inter) e i circa 6,73 milioni incassati dalle due tornate del Market Pool.

LEGGI ANCHE:   "Messi-Maradona? Non c'è paragone!": la polemica di Cassano alla BoboTv

In particolare, la prima di esse porterà nelle casse del Napoli circa 4 milioni (causa piazzamento in campionato lo scorso anno), mentre, per la seconda, trattasi di una semplice stima. Nella peggiore delle ipotesi, con un Napoli fuori ai gironi di Champions e con tre italiane finaliste della competizione, agli azzurri spetterebbe la cifra minima di 2,73 milioni (quindi con ampi margini effettivi di crescita).

Cifre dunque da capogiro per una società che, oltre alla propria forza sul campo, vede accrescere anche il proprio potere economico.

Mario Reccia