Home » News Calcio Napoli » Spalletti e quel paragone tra Kim e Koulibaly che fa sognare i tifosi

Spalletti e quel paragone tra Kim e Koulibaly che fa sognare i tifosi

Conclusa con un netta vittoria del Napoli per 2-5 sull’Hellas Verona: Spalletti porta a casa i primi tre punti a disposizione di questa stagione. Ecco le parole del mister toscano nel post-partita ai microfoni di Dazn:

Zielinski? Oggi è stato perfetto negli inserimenti e nei ripiegamenti, non ha perso un pallone. Ha fatto un gran gol dopo un inserimento di sessanta metri, ha avuto una grande lucidità. Zielo è il primo ad essere rammaricato per quello che è stato il campionato precedente. Quest’anno sa che sarà diverso e l’ha confermato alla prima.

FOTO: Getty – Zielinski Napoli

Lobotka? Nello stretto Lobo è capace di fare queste rotazioni e queste sterzate, oggi Lobotka sembrava Iniesta. Ha giocato una partita eccezionale, ha portato la squadra ad avere la possibilità di attaccare gli spazi. Con i suoi movimenti ha dato il via a ripartenze incredibili, per non parlare del gol che è di una qualità straordinaria.

Vincere? Con questa maglia sei obbligato a vincere sempre, non ci sono risultati, classifiche o prestazioni che possano essere accettate oltre alla vittoria. Questo è ciò che è scritto nelle maglie del Napoli. Dobbiamo onorare e rispettare i tifosi e per farlo c’è una sola strada, la vittoria. Perché la città merita.

FOTO: Getty – Osimhen Napoli

In alcuni momenti abbaiamo fatto vedere di non essere cattivi. Ci sono delle situazioni in cui, dopo una certa giocata, diventa fondamentale essere cattivi e segnare. A noi questa cattiveria oggi è mancata in alcuni momenti. Non si può lasciare in bilico una partita del genere fino al secondo tempo.

Kim e Kvara? Kim Prestazione sontuosa. Sempre vigile, pulito, grande fisicità. In alcuni tratti ha ricordato Kalidou Koulibaly. Kvara anche ha fatto una grandissima partita. Ha sentito fin da subito la gara, che ha giocato con personalità. La tensione per la gara lo ha portato a fine partita ad essere anche un po’ teso a livello muscolare”.

Lorenzo Golino