Home » calciomercato napoli » Chi è Mathias Olivera: caratteristiche e qualità del secondo acquisto del Napoli

Chi è Mathias Olivera: caratteristiche e qualità del secondo acquisto del Napoli

Finito il campionato al terzo posto, posizione che consentirà agli azzurri di poter giocare di nuovo la Champions League l’anno prossimo, il Napoli è già proiettato sul calciomercato. È notizia dell’ultima ora quella dell’arrivo dell’accordo col Getafe per l’acquisto del terzino sinistro Mathias Olivera, che sosterrà domani le visite mediche di rito prima di poter essere considerato ufficialmente un nuovo calciatore del Napoli. Sarà il secondo acquisto degli azzurri in questo mercato dopo quello di Khvicha Kvaratskhelia.

L’uruguaiano arriva per sostituire Faouzi Ghoulam, che ha lasciato il Napoli a costo zero dopo la scadenza del suo contratto. L’algerino però nel periodo recente ha dato molto poco il suo contributo a causa dei suoi problemi fisici, costringendo spesso Mario Rui a fare gli straordinari. Olivera, quindi, rappresenta un acquisto fondamentale per poter finalmente riuscire ad aumentare le rotazioni difensive.

Foto: Getty Images- Mathias Olivera

La carriera di Olivera: gli esordi e l’arrivo in Liga

Olivera, classe 97, compirà ad ottobre 25 anni. Inizia la sua carriera nel Club Nacional de Football, società più blasonata del campionato uruguaiano dopo il Peñarol. Si mostra fin da subito come un giocatore molto promettente, aiutando sia la selezione giovanile del suo club che quella della sua nazionale ad ottenere ottimi risultati. Effettua il suo esordio in prima squadra il 13 febbraio 2016, nella vittoria per 3-0 dei suoi contro l’Atletico River Plate Montevideo. Giocherà però con la prima squadra del suo club solo due partite ufficiali, prima di trasferirsi in prestito all’Antenas de San Carlos nel gennaio del 2017, pochi mesi prima dell’inizio del Mondiale Under 20 in Corea del Sud.

LEGGI ANCHE:   Higuain polemico: "Tanto odio da Napoli ma gli è tornato indietro"

Qui si metterà in mostra, giocando tutte le partite della competizione chiusa poi al quarto posto e conquistandosi la chiamata del club spagnolo del Getafe. Debutta in Liga il 3 novembre 2017, subentrando dalla panchina nel pareggio del 3-3 con il Betis. Nella sua prima stagione in Spagna, colleziona solo 3 presenze condite però da una rete, risultata decisiva per la vittoria dei suoi contro l’Eibar. Nell’estate, si trasferisce in prestito all’Albacete per fare esperienza giocando nella seconda divisione spagnola. Le sue ottime prestazioni fecero sì che il suo club di appartenenza decidesse di riportarlo alla base già a gennaio, ancor prima del termine della stagione. Da lì, si afferma come un titolare indiscusso del club di Madrid. Questa stagione si chiuse con il raggiungimento del quinto posto valevole per l’Europa League, perdendo la qualificazione in Champions solo all’ultima giornata.

Le caratteristiche di Olivera: chi è il nuovo terzino azzurro

Olivera ha spiccate attitudini offensive, pur non essendo un uomo “da bonus”: ha collezionato infatti solo 3 gol e 7 assist nel corso della sua esperienza al Getafe. Ha giocato sia come terzino basso in un 442, che come esterno “box to box” in un 3-5-2 con maggiori compiti di spinta.

LEGGI ANCHE:   Cannavaro: "Farei una proposta a Dybala", poi la chiosa su Koulibaly e Mertens

Le sue doti principali sono la velocità, condita anche da una buona tecnica, e l’aggressività, dote tipica dei calciatori uruguaiani (la nota “garra charrua”). Queste sue doti potrebbero risultare molto utili a mister Spalletti per potergli permettere di rinforzare il gioco offensivo della sua squadra sulla fascia sinistra, che dovrà già fare a meno di Lorenzo Insigne, sia per aumentare l’efficacia del pressing della sua squadra e recuperare il pallone in zone più alte.

Olivera Napoli
Olivera Napoli (Getty Images)

La carriera di Olivera: il debutto in nazionale

Nella stagione successiva, Olivera ebbe dunque l’occasione di debuttare anche in una competizione internazionale importante come l’Europa League, uscendo dalla competizione agli ottavi contro l’Inter, mentre invece in campionato arriva solo un ottavo posto, a due punti dal posizionamento utile a bissare tale qualificazione. Le ultime due stagioni di Olivera al Getafe sono state piuttosto deludenti dal punto di vista dei risultati di squadra, con il suo club che ha ottenuto la salvezza solo nelle giornate finali in entrambi i casi.

A livello personale è arrivata però quest’anno la sua sua più grande soddisfazione: il debutto in nazionale, avvenuto il 28 gennaio del 2022 in occasione del match valido per le qualificazioni mondiali contro il Paraguay. Da lì, Olivera è diventato un membro fisso della sua selezione, aiutandola a centrare una sofferta qualificazione al Mondiale in Qatar.