Younes: “Ancelotti è un gentiluomo, mai visto arrabbiarsi. La forza di Gattuso è l’emotività”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

In un intervista al settimanale tedesco, Der Spiegel, Amin Younes ha parlato di tutti gli allenatori con cui ha avuto a che fare. L’azzurro ha speso belle parole sia per l’ex tecnico del Napoli, Carlo Ancelotti, ma anche per Gattuso. Ecco quanto dichiarato:

Su AncelottiYounes ha detto che “è un gentiluomo. Non l’ho visto mai arrabbiarsi, nonostante i tanti problemi che ha dovuto affrontare. E’ un grande gestore, non a caso ha guidato grandi club come Real Madrid e Bayern Monaco. A gente come Cristiano Ronaldo e Kakà non devi insegnare molto. Ancelotti è un maestro nello gestire le star. In Germania è stato criticato, molto probabilmente perché avrà avuto problemi di lingua. Sul campo è un grande lavoratore, Ancelotti e il suo staff non si sono mai risparmiati”.

Parole di elogio anche per Gattuso. “All’inizio non mi ha dato molto spazio nonostante ciò ho sempre avuto una grande opinione di lui. Durante il Coronavirus mi sono allenato con impegno e ho conquistato la sua fiducia. Gattuso è un allenatore che farà molta strada, come hanno confermato i risultati ottenuti col Napoli dopo il lockdown. Non dimentichiamo che abbiamo vinto anche la Coppa Italia. Gattuso ha la stessa grinta di quando giocava. Ti fa sembrare la partita la cosa più importante al mondo. Anche in allenamento ci spinge al massimo. Siamo molto contenti di lui“.

Se potessi creare un allenatore perfetto, come sarebbe? “Dovrebbe prestare attenzione al risultato ma anche migliorare i propri giocatori. Non sarebbe influenzato dall’esterno. Sarebbe duro e presterebbe attenzione ad ogni dettaglio del gioco e dell’allenamento, compresa la disciplina. Sono stato allenato da molti nomi importanti: Lucien Favre a Gladbach, Frank de Boer, Dennis Bergkamp ed Erik ten Hag con l’Ajax, Joachim Löw nella squadra nazionale, Carlo Ancelotti e Gennaro Gattuso a Napoli”.

Pensi ancora che l’allenatore più importante della tua carriera è stato un altro: Horst Hrubesch nella selezione U21? “Horst deve essere enfatizzato. Se ho appena descritto un trainer perfetto per me, allora in realtà ce l’ho in mente. Senza di lui la mia carriera sarebbe stata un po’ diversa. Nel 2014/2015 sono stato prestato a Kaiserslautern, ma alla fine ho dovuto giocare contro Pirmasens nella seconda squadra. Horst mi convocato lo stesso per l’Europeo U21. Questo è ciò che intendo quando dico non lasciarsi influenzare dall’esterno. Disse: “Mi fido del ragazzo”. E gli ho restituito questa fiducia con le prestazioni”.

Nel 2015 sei passato all’Ajax e hai incontrato Frank de Boer e Dennis Bergkamp. “Ho imparato da loro che hai bisogno di convinzioni per arrivare in cima. Erano così convinti del loro stile di gioco che dissero: preferirei andare sotto piuttosto che cambiarlo. La nostra identità era buona, bellissimo calcio. Questo mi ha plasmato”.

Cosa ti ha dato Bergkamp? “Dennis è un ragazzo a cui non piace stare sotto i riflettori. Ma parlare con lui è stato incredibilmente gratificante. Ho segnato più goal nel mio primo anno all’Ajax che nel mio secondo. Poi ho ricevuto critiche dai media. Ma ho scoperto di aver giocato molto meglio nel secondo anno: ero più forte sulla difensiva, potevo spingere meglio, era molto più utile per la squadra. Dennis lo riconobbe. Un giorno venne da me e disse: “Amin, non importa se vieni criticato. Vedremo cosa fai. I gol vengono da soli“”.


Come ti senti quando non giochi? “È stato lo stesso con Kosta Runjaic a Kaiserslautern. Posso gestirlo meglio quando qualcuno mi dice qual è il problema rispetto a quando non mi viene detto nulla. Penso che entrambe le esperienze negative siano state preziose per me. E a volte impari di più rispetto a quando tutto funziona senza intoppi”.


Low? “Personalmente, l’ho trovato eccezionale. E tecnicamente sono rimasto colpito da quanto ha fatto nel suo lavoro quotidiano. Pensi sempre: questo è un allenatore nazionale, deve solo assicurarsi che tutti i buoni giocatori siano in campo. Ma Löw ha lavorato molto sui dettagli in ogni sessione di allenamento. Un trainer è un leader prima di tutto”.

Napoli? “Non è un caso che siamo usciti dalla pausa Coronavirus, vinto quattro partite su cinque e vinto la coppa Italia. La grande forza di Gattuso è la sua emotività. Ti dà la sensazione che non ci sia nulla di più importante del gioco, vuole che ti sacrifichi completamente. Gattuso è ancora mezzo giocatore dentro di sé, fa ancora molto in allenamento e ti spinge come un giocatore al limite”.

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI