Home » calciomercato napoli » Salvatore Esposito: "I giocatori sono frastornati. Da tifoso spero si possa ricominciare ma bisognava fermare tutto"

Salvatore Esposito: “I giocatori sono frastornati. Da tifoso spero si possa ricominciare ma bisognava fermare tutto”

Nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” , in onda sule frequenze di Radio Marte, è intervenuto l’attore  di Gomorra, Salvatore Esposito che, ha espresso la sua opinione in merito alla ripresa del campionato. Ecco quanto evidenziato:

Ripresa del campionato?Da appassionato spero si possa ricominciare il prima possibile. Il problema reale è che non so se adesso le federazioni sono pronte a fronteggiare una situazione come questa. Se tu fai un protocollo dove non prevedi che chi è stato a contatto con il calciatore non vada in quarantena, butti all’aria tutto l’aspetto sanitario“.

Il virus, che per alcune persone è letale, al giorno d’oggi ha messo in ginocchio anche le grandi potenze. La cosa più intelligente da fare poteva essere fermare tutto, senza vincitori e vinti, per ripartire a settembre, con l’esperienza del caso e le giuste precauzioni“.

LEGGI ANCHE:   Rrahmani: "Io e Kim stiamo cercando di fare ciò che dice il mister" poi la risposta sullo scudetto

Che clima c’è tra i calciatori del Napoli? Un po’, come credo tutti, sono frastornati. Qualcuno non vede l’ora di riprendere. Allo stesso tempo però hanno paura, magari non tanto per loro ma per i loro cari. Vuoi o non vuoi entreranno in contatto con i loro familiari, la paura che hanno è questa. Inoltre, si trovano di fronte persone che sul ricominciare hanno idee differenti, e non sai di chi fidarti. Ci sono pareri di chi propone la quarantena solo al calciatore, qualora positivo, chi lo vorrebbe per tutta la squadra, chi vuole giocare e chi no”.

C’è un caos totale e loro sono in balia di questo caos. Detto questo si deve ragionare anche sotto un altro aspetto: loro vengono da un paio di mesi di inattività. Devono rifare una preparazione, andare incontro a un’estate che farà giocare 3 partite a settimane. Sono dei privilegiati, vero, ma ovviamente anche loro è giusto che tengano alla loro salute”.