shinystat spazio napoli calcio news Ancelotti: "Il rigore è un episodio controverso. Meret non tocca Ronaldo e l'arbitro ha sbagliato a non chiamare il VAR"

Ancelotti: “Il rigore è un episodio controverso. Meret non tocca Ronaldo e l’arbitro ha sbagliato a non chiamare il VAR”


Carlo Ancelotti ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Sky nel post partita di Napoli Juventus.

Ecco le sue parole:

“Ho visto l’episodio decisivo del rigore. La mia idea? È un episodio molto controverso. Di sicuro Meret non ha preso Ronaldo. Non è nemmeno un tentativo di fare il fallo perchè Ronaldo è più svelto di Meret. Dopo ci sono altre considerazioni da fare. Visto che abbiamo il VAR perchè l’arbitro non è andato a rivedere l’episodio? Non è così chiaro questo rosso, l’arbitro era sicuro che si trattasse di una chiara occasione da gol? Ci sono molte cose da rivedere, questo episodio ha condizionato molto la partita.

In occasione della punizione di Pjanic abbiamo sbagliato il posizionamento della barriera, Zielinski non ha saltato e il pallone è passato sopra la sua testa. In barriera se ci fosse stato Milik forse quella palla l’avrebbe presa ma purtroppo l’ho dovuto sostituire dopo l’espulsione. Non potevo aspettare molto per prendere una decisione, ho pensato di sostituire Milik per sfruttare l’abilità di Insigne nel contropiede.

Rimpianti? No, credo che la Juventus abbia fatto un rollino di marcia straordinario e questo ha annacquato quello di buono abbiamo fatto fino ad ora. Una prestazione come questa mi rincuora molto, mi dà fiducia per il futuro e per i prossimi impegni. La supremazia che abbiamo avuto dopo l’espulsione è stata sorprendente, vuol dire che la squadra ha tanta forza e dobbiamo insistere. Dobbiamo continuare a credere sempre più nelle nostre qualità.

Quanto tempo ci vuole per vincere? Stiamo vincendo, è stata una stagione positiva fino ad ora, abbiamo cambiato il profilo tattico e inserito giocatori nuovi, il prossimo anno ne inseriremo altri. Noi abbiamo qualità diverse dalla Juve. I bianconeri hanno fortissime qualità. Noi ci dobbiamo fidare del gioco corale che è il nostro punto di forza.

Insigne rigorista? Si era lui che doveva tirare il rigore. Contro l’Udinese ricordo che tirò Mertens perché Insigne non c’era. Koulibaly in area di rigore? Solo all’ultimo ho pensato di portarlo in avanti, eravamo già abbastanza scoperti dietro, ma siamo stati bravi comunque a dominare il gioco per buona parte della partita.”