shinystat spazio napoli calcio news Inglese: "Che emozione mettere piede al San Paolo, trasmette qualcosa di speciale. Voglio capire se sono all'altezza"

Inglese: “Che emozione mettere piede al San Paolo, trasmette qualcosa di speciale. Voglio capire se sono all’altezza”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Roberto Inglese ha rilasciato un’intervista ai canali ufficiali del Napoli:

“Era il 31 agosto 2017, ero a casa sul divano dopo l’allenamento. Mi chiama il procuratore per andare a firmare con il Napoli. Vivevo in un piccolo paesino a Foggia, poi a 6 anni mi sono trasferito a Vasto. Giocavo sotto casa, un addetto ai lavori mi disse se volevo allenarmi con lui. Andai, appena finì l’allenamento mi fece firmare il cartellino. Non pensavo di arrivare in A né a Napoli. Abbiamo giocato a marzo al San Paolo, già il tragitto per arrivare allo stadio trasmette qualcosa di speciale. Già nei quartieri e nei bar vedi la gente che aspetta di andare allo stadio. Quando ho messo piede dentro, ho provato un’emozione bellissima, il goal di Diawara l’hanno fatto i tifosi. Il sogno più grande era quello di diventare calciatore, mi ritengo fortunato. Quello al Napoli è un grande salto, non vengo qui a far proclami, è una dimensione diversa rispetto a quella da cui vengo. Cercherò di capire se sarò all’altezza e lo farò con serenità”. 

Preferenze privacy