Home » News Calcio Napoli » Zola: "Il Napoli gioca il miglior calcio d'Europa, merito di Sarri. Con lui gli azzurri diventeranno davvero competitivi"

Zola: “Il Napoli gioca il miglior calcio d’Europa, merito di Sarri. Con lui gli azzurri diventeranno davvero competitivi”

Gianfranco Zola, ex calciatore azzurro, è stato uno degli ospiti di Si gonfia la rete, trasmissione in onda su Radio Crc.

Zola ha analizzato il calcio inglese, che ben conosce, per trovare le differenze con quello italiano: “Il calcio inglese è diventato un punto di riferimento soprattutto perché è il campionato più competitivo in assoluto. In Italia domina la Juventus, in Spagna ci sono due squadre che si alternano nella vittoria della Liga, in Germania è più o meno lo stesso; in Inghilterra no. Questo vuol dire, però, che chi vince il campionato inglese non è detto che esploda a livello europeo“. 

LEGGI ANCHE:   VIDEO - Napoli, emozione Gaetano: proposta di matrimonio e il "sì" di Maria

Anche se il nostro calcio non è il più competitivo, ci sono gli allenatori italiani a risollevarne le sorti. Ecco cosa pensa Zola a riguardo: “Credo che a dare un vantaggio agli allenatori nostrani sia la conoscenza della tattica del gioco e la capacità di manipolarlo, non comune a tutti, soprattutto in Inghilterra, dove per anni ci si è concentrati sulla tenuta fisica“.

E tra i migliori allenatori italiani c’è anche Maurizio Sarri, sul quale Zola ha speso parole che inorgogliranno sia i tifosi partenopei che lo stesso tecnico: “Senza voler fare un torto al Napoli, se io fossi un presidente ora prenderei Sarri per la mia squadra. Unisce la sapienza tattica al bel gioco. Gli azzurri esprimono il miglior calcio in Europa, merito dell’allenatore sicuramente. Potrebbe essere proprio il gioco di Sarri a far diventare il Napoli davvero competitivo ad alti livelli. La squadra è sulla strada giusta, c’è solo bisogno di un po’ di pazienza“.

LEGGI ANCHE:   "Messi all'Inter Miami", ma l'esperto di mercato svela quando arriverà la decisione!

Sul suo futuro, infine, l’ex calciatore e attualmente allenatore senza panchina ha detto: “Non so cosa ne sarà, la mia ultima esperienza è stata molto dura e negativa, ma ho imparato la lezione. Spero di avere a breve l’opportunità per mettere a frutto quanto ho appreso“.