shinystat spazio napoli calcio news Jorginho: "Ho vissuto con 20 euro alla settimana per 18 mesi, ma poi ce l'ho fatta. Vogliamo lo scudetto. E su Sarri e Higuain..."

Jorginho: “Ho vissuto con 20 euro alla settimana per 18 mesi, ma poi ce l’ho fatta. Vogliamo lo scudetto. E su Sarri e Higuain…”


Il centrocampista del Napoli Jorginho ha rilasciato una lunga intervista ai colleghi de Il Mattino Roberto Ventre e Pino Taormina, affrontando molteplici temi. Queste le sue dichiarazioni, evidenziate dalla nostra redazione.

Anno straordinario. “Sta succedendo qualcosa di meraviglioso: se sono arrivato fino a questo punto il merito è dei compagni, mio e anche del mister Sarri”.

Lotta scudetto. “Ci motiva a fare ancora meglio. Stiamo facendo grandi cose e siamo secondi, ma non ci vogliamo fermare: continueremo a lottare fino alla fine. La Juve è abituata a vincere: è difficile che non porti a casa un risultato. La Juve è spietata, ma non ha senso parlare di loro. Noi dobbiamo pensare al nostro percorso. Abbiamo il bel gioco in più rispetto alla Juve, ma da solo non basta”.

Trasformazione Jorginho. “Credo sia dipeso tutto dal modulo a 3 e dalla motivazione del mister. Inoltre il suo gioco palla a terra mi aiuta molto, perché ha esaltato le mie caratteristiche. Il miglior Jorginho? Settimana scorsa a Palermo, mi sono davvero piaciuto”.

La Nazionale. “Sono contento della chiamata, ma è una conseguenza del mio lavoro con il Napoli. Se dovesse davvero arrivare questa chiamata sarei felice ed onorato. Erede di Pirlo? No, penso solo a fare bene”.

Il passato e l’ispirazione. “Mi ispiro a Kaka, lo ammiro tantissimo. Però ci sono anche Pirlo e Xavi. Da piccolo venivo impiegato come trequartista o seconda punta, poi però Mauro Bertacchini mi spinse a giocare davanti la difesa. Avevo qualche dubbio, visto che avevo tredici anni, però adesso sono felice. Devo molto a mia madre, lei mi ha insegnato a giocare a calcio: mi portava in spiaggia a Imbituba e già a 5 anni mi faceva vedere come controllare il pallone, lanciare. Sulla sabbia è formativo”.

Difficoltà iniziali. “Ero disposto a qualsiasi cosa pur di venire in Italia: la realtà però spesso è diversa. Ho vissuto con 20 euro alla settimana, per un anno e mezzo. Nel convitto però mi volevano bene e alla fine ci sono riuscito. Con il primo stipendio da 600 euro mi ritenevo l’uomo più ricco del mondo. Ho speso tutto per i miei compagni ad una fiera a Verona. Mi sento un uomo generoso, lo dovevo ai miei compagni, che mi hanno sostenuto. Per me è davvero importante la gratitudine. Provo a non dimenticare quello che le persone hanno fatto per me”.bonaventura jorginho allan napoli milan

Sarri e Higuain. “Il mister ha portato le proprie idee e come lui anche noi crediamo nello Scudetto; stiamo andando oltre tutte le nostre aspettative. Higuain ha i colpi da fenomeno. Ci sono i numeri a parlare per lui. Non sbaglia nulla nemmeno in allenamento, è straordinario. Sente la porta come pochi giocatori”. 

 

Preferenze privacy