shinystat spazio napoli calcio news Classe, talento e fiuto del gol: il vero Higuain è tornato e rende meno amara la notte del "San Paolo"

Classe, talento e fiuto del gol: il vero Higuain è tornato e rende meno amara la notte del “San Paolo”


Il Napoli esce dal ventre del “San Paolo” con un solo punto in tasca nella prima stagionale davanti al proprio pubblico. Gli azzurri dominano per 60′, si fanno clamorosamente raggiungere due volte e reagiscono, ci provano fino alla fine. Nulla di fatto però: la Sampdoria regge e la gara finisce 2-2.

NUOVA LINFA. La prima notizia positiva per gli uomini di Sarri è il ritorno in grande stile di Gonzalo Higuain: il Pipita è pronto a riprendersi Napoli e a caricarsi la squadra sulle spalle, con una prestazione di carattere e sugellata da una splendida doppietta. Sacrificio, determinazione e disponibilità messi in campo per tutto il corso della gara ed al servizio dei compagni, comportandosi da vero leader e da chi ha le idee chiare su come fare e superare ogni avversaria. Probabilmente, sarà particolarmente motivato e galvanizzato anche dalla convocazione nella Selección, : per confermarsi all’altezza delle aspettative ed a livello dei suoi compagni e fuoriclasse dell’Argentina, bisogna costantemente palesare le proprie qualità, ancor più all’inizio di una stagione ancora in fase di rodaggio per i partenopei.

BOMBER RITROVATO. Il Napoli ha estremamente bisogno dell’Higuain visto ieri notte al “San Paolo”: freddo, cattivo, voglioso di gol e vittoria, scatenato in area di rigore. Capitalizza al meglio le due occasioni disegnate a pennello per lui e non si ferma più: Sarri aveva detto che non aveva i 90′ nelle gambe ed invece il Pipita la partita l’ha giocata tutta, nel modo migliore, regalando ai tifosi giocate da cineteca. Corsa a tutto campo, protagonista in area come a centrocampo, inventore e finalizzatore: l’argentino si conferma un fuoriclasse a trecentosessanta gradi, con un feeling straordinario con i compagni di reparto, Insigne su tutti. La sua partita è stata sì di sacrificio, ma anche di dedizione e passione. Il Pipita, insomma, ha rispolverato quella personalità che di certo non gli manca, mettendola al servizio dei compagni, bravi a capirlo e ad assecondarlo.

LA STRADA GIUSTA. Perché se Higuain mantiene questi livelli, resta comunque una garanzia per Sarri e l’intera squadra. Il percorso per ritrovare la serenità con la piazza e con se stesso è ormai tracciato: bisognerà solo continuare su questa strada e andare avanti, al di là delle critiche e dei risultati, perché quelli, prima o poi, giocando così, arriveranno. Il feeling coi compagni c’è e può solo rafforzarsi, la condizione fisica pian piano migliora, il fiuto per il goal è sempre lo stesso. Sembra quasi di rivedere l’Higuain del primo anno a Napoli: legato ai colori, alla gente, alla squadra, deciso e determinato a vincere a qualsiasi costo, disposto a caricarsi di responsabilità e metterci la faccia, come solo un campione sa fare. L’attacco del Napoli è ben fornito ma Higuain resta sicuramente il tocco in più, la ciliegina sulla torta di un reparto che può fare faville.

Nonostante il risultato, Sarri e il suo staff hanno un motivo in più per essere ottimisti: la condizione fisica migliorerà, la squadra giocherà meglio e, con un Higuain in ripresa, pronto ancora a crescere e migliorare, le spalle sono più che coperte.

Gennaro Donnarumma
RIPRODUZIONE RISERVATA