shinystat spazio napoli calcio news La prima di Sarri tra emozioni, tuta e la presa di coscienza di cosa lo aspetta

La prima di Sarri tra emozioni, tuta e la presa di coscienza di cosa lo aspetta

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Per vedere il Sassuolo nella metà campo del Napoli, sono dovuti passare dieci minuti. Lo aveva detto alla vigilia Maurizio Sarri: “Cercheremo di imporre il nostro gioco, sempre”. Quel sorriso arguto con il quale è entrato in campo il tecnico era forse indicativo: aveva in serbo qualcosa, voleva che il suo primo Napoli ufficiale potesse subito emozionare. E così è stato. Peccato sia durato troppo poco.

PICCOLE CREPE – La prima indicazione, da parte di Sarri, arriva al 26′: Pepe Reina rinvia lungo con i piedi, l’allenatore rimprovera il portiere, vuole che il gioco parta dai difensori e che nulla sia lasciato al caso. La squadra è sempre corta, ma piano piano perde campo, il Sassuolo spinge e per qualche minuto mette alle corde il Napoli; allora Sarri lascia la panchina, urla, si sbraita, chiede alla difesa di salire, di accorciare e di conseguenza di non dare respiro agli avversari. Poi Floro Flores gela i 7 mila tifosi azzurri accorsi al Mapei, e in quel momento la tuta di Sarri passa in secondo piano, e nella mente di tutti tornano i fantasmi di una squadra che ha subìto tanti, troppi gol e spesso allo stesso modo.

NERVOSISMO – La ripresa si apre con lo stesso canovaccio dei primi 45′, il Napoli soffre le ripartenze del Sassuolo e Sarri è una maschera di sudore e preoccupazione, altro che sorriso brillante dell’inizio. Il tecnico chiama Gabbiadini, e al 17′ fa la scelta che nessuno s’aspetta: fuori Higuain, dentro Manolo che scalpita in panchina. Piovono fischi da parte dei tifosi azzurri per l’allenatore, l’argentino pensa siano per lui e guarda verso la curva, che applaudendolo fa capire bene quale fosse il bersaglio. Poi El Kaddouri rileva Insigne, e la scelta questa volta fa arrabbiare il giocatore, che lancia per terra il fratino con cui dovrebbe sedere in panchina. Un segnale del lavoro, anche psicologico, che attende Sarri: far capire ai suoi che nessuno può sentirsi intoccabile. Il peggio, se possibile, arriva a sei minuti dalla fine, quando Sansone spegne ogni velleità di vittoria. E fa capire a Sarri che non basterà un Napoli operaio e che sputi l’anima. Serve ancora tanta qualità, soprattutto in difesa. Ma questa è una richiesta che va rivolta a qualcun altro. Altrimenti il capro espiatorio sarà sempre chi siede in panchina.

Vincenzo Balzano

Twitter: @VinBalzano

Preferenze privacy