shinystat spazio napoli calcio news Reina, il ritorno non è un bluff: due partite, porta imbattuta e quella bella sensazione ritrovata

Reina, il ritorno non è un bluff: due partite, porta imbattuta e quella bella sensazione ritrovata

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Al momento del nuovo acquisto di Pepe Reina da parte del Napoli, quella parte indolente di critica, sempre pronta a puntare il dito, aveva mugugnato: “Giocherà poche partite, è spesso infortunato, l’ingaggio è troppo alto in relazione all’età”. Accuse che, per come si era messo il ritiro di Dimaro, sembravano anche legittime: in Trentino il portiere spagnolo ha svolto quasi sempre lavoro differenziato e con il Nizza, nella prima amichevole contro un avversario di spessore, Gabriel diede subito adito a cattivi pensieri. E alla fine il Napoli subì tre gol con l’alternanza tra i due portieri brasiliani in porta.

POI ARRIVA PEPE – Ad Oporto però, Pepe Reina si è ripreso il suo ruolo; che non è solo quello di portiere, ma di leader difensivo a tutto tondo. Ne ha giovato la retroguardia intera, per non dire tutta la squadra: la sicurezza che imprime la sua presenza tra i pali è di fondamentale importanza. L’area piccola è il suo regno, che il pallone arrivi alto, basso o a mezza altezza poco importa; e i suoi piedi danno sempre il via all’azione. La parata con colpo di reni a Latina poi, è un marchio di fabbrica della casa: e anche nell’ultimo test precampionato, con Pepe titolare, la porta azzurra è rimasta inviolata.

FUTURO – E’ chiaro che a 33 anni non si può avere la freschezza atletica di un ventenne. Ma è vero anche che Reina in carriera è sempre stato un fior di professionista, che ha curato in maniera perfetta il suo corpo; i riflessi rispondono ancora, la sua reattività è intatta. E’ probabile che, se il Napoli dovesse andare in fondo a tutte le competizioni e giocare quasi 60 partite, qualcuna dovrà saltarla per forza di cose. Ma da qui a criticare il suo acquisto, ce ne passa. E’ l’emblema di una piazza che, in un modo o nell’altro, sarà eternamente insoddisfatta.

Vincenzo Balzano

Twitter: @VinBalzano

 

Preferenze privacy