shinystat spazio napoli calcio news Il Napoli ha la necessità di guardare oltre i fantasmi del recente passato

Il Napoli ha la necessità di guardare oltre i fantasmi del recente passato


Il campionato è finito da un po’ oramai, ma sembra che i fantasmi del recente passato aleggino ancora sulla figura del Napoli. Il nuovo Napoli, è partito puntando sulla meritocrazia, prima premiando il mister toscano Sarri poi continuando con Valdifiori. Decisione giusta o meno che sia, potremo saperlo solo alla fine del campionato prossimo, anche se siamo sicuri che alla prima battuta d’arresto voleranno critiche amare alle quali si dovrà far scudo tutti insieme.

Possibile non ci sia la possibilità di viaggiare tutti insieme, spalla a spalla come diceva qualcuno di nostra conoscenza? Il riferimento non è per nulla casuale. Il mister spagnolo, che ha lasciato Napoli da un po’ e pensa oramai alle sorti della sua creatura reale, continua ad aleggiare nelle notizie e sulle prime pagine di molti quotidiani locali e non. Impossibile non farsi catturare da notizie sulla possibile ira di Cristiano Ronaldo che con Benitez magari non avrà ancora discusso. Abbastanza per scrivere pezzi più o meno ironici sul regime alimentare imposto dalla società madrilena al neo tecnico venuto per alcuni dalle mozzarelle della Campania.

Nonostante sia necessario farsi voler bene dal pubblico che legge, sembra necessaria una presa di coscienza che convinca tutti che il passato è passato ed il momento ha di nome Maurizio e cognome Sarri. Il suo Napoli prende forma attimo dopo attimo e con non poche difficoltà. L’arrivo di Valdifiori, ventinovenne alla sua seconda stagione in A, benedetto qualche giorno fa direttamente dalle parole del Presidente. Poi Reina, non uno qualsiasi, ma un uomo che nonostante i problemi fisici e l’età più non giovanissima, saprà dare il suo contributo tecnico e di personalità.

Abbandoniamo quindi quello che è stato (verrebbe da intonare una nota aria partenopea) e concentriamoci su ciò che è e sarà nell’immediato. C’è un Napoli che sta nascendo ed ha bisogno del sostegno dei propri tifosi e del calore della piazza intera, giornalisti compresi. Il progetto c’è, forse ancora un po’ nebuloso, ma pian piano sta prendendo forma e c’è la necessità di crederci.

Antonio Picarelli

RIPRODUZIONE RISERVATA