shinystat spazio napoli calcio news Ulivieri entusiasta di Sarri: "La scelta migliore di De Laurentiis, darà un'impronta alla squadra"

Ulivieri entusiasta di Sarri: “La scelta migliore di De Laurentiis, darà un’impronta alla squadra”


“Sorpreso da De Laureniis? Assolutamente no, perché Sarri non è affatto una scommessa. No, Maurizio Sarri è l’uomo giusto. Una delle scelte migliori che potesse fare il presidente”. A parlare è Renzo Ulivieri, allenatore e presidente dell’AIAC, che in un’intervista ai colleghi del Corriere dello Sport, esprime il suo giudizio sul prossimo tecnico azzurro. “Sarri è un “allenatore di campo” e sono questi gli allenatori che servono al calcio. Lavoratore, studioso, equilibrato, capace di dare ordine tattico e gioco alla propria squadra. I risultati dipendono dal gioco che produci. E le squadre di Sarri ne producono di gioco! A volte si guarda una squadra e si dice: si vede la mano dell’allenatore. Quello è il caso in cui un allenatore conta molto. La mano di Sarri, vedrete, si riconoscerà nel gioco degli azzurri”.

“Lavoratore, gran studioso, capace di dare equilibrio alla sua squadra. Tatticamente, poi, sa correggere il disegno in base ai suoi uomini, agli avversari, alle esigenze della gara – si legge ancora sul quotidiano – E’ un uomo di grande simpatia e umanità. Qualità che però devi andare a scovare sotto quella sua scorza di riservatezza, di silenziosa ritrosia. Ma questo a Napoli lo scopriranno un po’ alla volta”.

E sulle pressioni di Napoli… “Sarri ha le spalle larghe. Garantisco io che ho avuto il piacere di vivere Napoli e allenare il Napoli. Perchè arrivato tardi su certi palcoscenici? Perché è partito dal basso. Perché ha scalato ad uno ad uno i gradini della sua carriera. Una scuola lunga che gli è servita molto. Maurizio, infatti, oggi è un allenatore completo, sapiente, preparato, attento alla gestione del gruppo e, soprattutto, di grande misura ed equilibrio. Sarebbe un errore giudicarlo dal curriculum ancora privo di grandi successi. Chiedere subito qualcosa di importante? Certamente lavoro, impegno, gioco ed equilibrio in campo Per ogni altra cosa ci vorrà, invece, il conforto d’altre cose. Nel calcio, infatti, nessuno può vincere da solo”.