shinystat spazio napoli calcio news Prandelli presenta l'undici che affronterà l'Eire. Maggio e Insigne fuori, quali prospettive per gli azzurri?

Prandelli presenta l’undici che affronterà l’Eire. Maggio e Insigne fuori, quali prospettive per gli azzurri?


Il C.T azzurro Cesare Prandelli nell’ampia conferenza stampa di presentazione della sfida amichevole che vedrà l’Italia affrontare l’Eire si è espresso sull’undici di partenza, rilasciando interessanti dichiarazioni sulle convocazioni definitive ormai alle porte. Ecco quanto evidenziato dalla nostra redazione: “L’11 è quello delineato dagli allenamenti degli ultimi giorni: iniziamo con Sirigu, Darmian, Paletta, Bonucci, De Sciglio, Thiago Motta, Verratti, Montolivo, Marchisio, Rossi ed Immobile. Non sarà una sfida sperimentale, dovremo valutare l’apporto in campo, per sciogliere le ultime valutazioni. Non vogliamo sbagliare nelle scelte, non vogliamo urtare la sensibilità dei ragazzi e domani sarà una prova importante, c’è competizione in tutti i reparti. Le esclusioni non saranno una bocciatura, sceglierò in base all’idea tattica che vogliamo sviluppare. Abbiamo un gruppo di ragazzi tutti sullo stesso livello, pronti, e che lavorano con il massimo della concentrazione”

Incertezza – Dichiarazioni in cui il cittì azzurro non si è esposto più del dovuto, come era preventivabile. Ma l’11 che scenderà in campo domani rappresenta comunque un input da prendere in considerazione, in particolar modo per quanto riguarda il destino dei due atleti partenopei: Maggio e Insigne. Per quanto riguarda il terzino l’11 di partenza non dovrebbe presentare il sapore della bocciatura, la formazione specialmente in difesa, andando oltre le dichiarazioni di Prandelli, appare comunque di prova. Christian è sempre stato una certezza per l’ex tecnico di Parma e Fiorentina che più volte si è dichiarato propenso nell’attenderlo, anche dinanzi agli svariati problemi che hanno attanagliato la stagione del terzino di origine veneta, l’11 comunque “sperimentale” di domani potrebbe rappresentare un’ulteriore conferma della sua presenza fra i 23 definitivi. Diverso il discorso per quanto riguarda Lorenzo Insigne, sul calciatore partenopeo Prandelli si è spesso espresso in maniera criptica, anche per quanto concerne il ruolo in campo. Considerato di fatto un centrocampista, la concorrenza con Antonio Candreva di certo snatura il folletto di Frattamaggiore, oltre a porlo in una posizione di difficoltà date le caratteristiche che comunque differenziano il folletto azzurro dal centrocampista laziale. Discorso chiaro anche nelle dichiarazioni di oggi: “Ho 7 attaccanti, ne sceglierò 5″, con Balotelli, Immobile, Cassano, Cerci e Rossi quasi sicuri del posto, la collocazione tattica del napoletano sembra chiara nell’ideale del C.T. Di certo Lorenzo sarà, anche a partita in corso, tra i protagonisti dell’amichevole di sabato, avrà la possibilità di dimostrare, come sempre fatto, il suo enorme valore con la maglia dell’Italia, per strappare il tanto sospirato sul filo di lana. Gli ultimi giorni saranno decisivi per fugare gli ultimi dubbi, lunedì Prandelli certificherà le proprie scelte, e solo allora sarà chiaro se l’estate dei due calciatori del Napoli sarà tinta di verdeoro. 

 

Edoardo Brancaccio

Riproduzione riservata