shinystat spazio napoli calcio news KKN, De Laurentiis: "Felicissimo per la laurea in lettere, il mio primo amore. Mercato? Stiamo vagliando una lista di nomi per rinforzarci, abbiamo le idee molto chiare ma ci vuole pazienza"

KKN, De Laurentiis: “Felicissimo per la laurea in lettere, il mio primo amore. Mercato? Stiamo vagliando una lista di nomi per rinforzarci, abbiamo le idee molto chiare ma ci vuole pazienza”


Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis è intervenuto a Radio Kiss Kiss Napoli dopo la consegna della laurea Honoris Causa avvenuta stamane a Roma. Ecco quanto evidenziato da SpazioNapoli: “Grazie a tutti per gli auguri e forza Napoli sempre. Prendere una laurea fa sempre piacere. Vedere un riconoscimento del genere insieme a tanti giovani, ringiovanisce a sua volta. Domani compirò 65 anni ed è un bel traguardo. La laurea mi è stata data in lettere, il mio primo amore, non in calcio. Sono stato sempre in prima linea anche nei miei film nella scrittura e produzione di contenuti e mi fa tanto piacere che oggi questa mia vena creativa sia stata celebrata. Mi sono sempre riferito ad una vasta audience e lo sto facendo anche con il Napoli che si rivolge a milioni di tifosi nel mondo, un club che rappresenta tanti cuori in tensione per i colori della nostra maglia”.

IL FUTURO. “Con Benitez ci siamo lasciati qualche giorno fa con una lista di nomi per il mercato da valutare e vagliare ma non abbiamo molti ruoli da ricoprire. La rosa è alquanto completa, ci servono solo dei buoni rinforzi. Se ad esempio lo scorso anno avessimo avuto disponibile Zuniga, non saremmo arrivati terzi probabilmente. Cambiando tanto abbiamo comunque raggiunto ottimi traguardi e ne sono felicissimo, poi ci sono dei ragionamenti da fare. Se Duvan avesse giocato di più ci avrebbe proiettato più in alto? Devo mandarlo in prestito per dargli continuità e valorizzarlo? No, saremmo dei cretini. Dopo Koulibaly bisogna aspettare, i prossimi colpi di mercato saranno tra qualche settimana”.

BENITEZ. “E’ un uomo ed un allenatore fantastico, il nostro rapporto lavorativo durerà ancora molto, molto a lungo”.

RIPRODUZIONE RISERVATA