shinystat spazio napoli calcio news Balotelli rivela: "Maradona, musa ispiratrice dei miei rigori"

Balotelli rivela: “Maradona, musa ispiratrice dei miei rigori”


8° Giocatori che arrivano in ritardo - L’ora di affitto del campo dura un’ora. Non dura due ore. Se si gioca alle 9 si finisce alle 10.  Peccato che ogni partita debba dipendere dai ritardatari, i giocatori che si presentano accumulando disumani ritardi, quelli che ogni settimana trovano il passaggio a livello abbassato, la gomma bucata o escono in ritardo dall’ufficio. Il loro divismo costringe il resto della banda ad iniziare una partita inconsistente, a 4 vs 5.  Ogni persona sul campo li odia e dato che il giocatore di calcetto ha una sua etica chi arriva in ritardo sa già che verrà “punito”. Come? Subendo interventi alla Marco Materazzi.

Una copertina per Sport Illustrated, dopo essere stato inserito da Time tra le 100 persone più influenti al mondo: Mario Balotelli conquista sempre di più gli Stati Uniti diventando uno degli sportivi italiani più «internazionali», un’icona che rappresenta sia l’Italia che l’Europa. Sul numero di «Si» Super Mario a petto nudo e con i calzoncini del Milan sembra quasi camminare sull’acqua grazie ad una lastra di plexiglass posizionata su una piscina. E nell’intervista al magazine Usa rivela di aver imparato tanto da Maradona.

Nel suo racconto, quando aveva 12 anni sua madre gli comprò un Dvd con gli highlights del grande Diego con il Napoli e Mario si mise a studiare come il pibe de oro calciava calci di punizione e rigori, provando a imitarlo sul campo. “Da allora – spiega Balotelli – ho cominciato a calciare i rigori come lui. È una questione di mente. Devi mantenerti calmo e aspettare finché il portiere non si muove. E se il portiere resta fermo, non ha il tempo per arrivare su uno dei due lati. Se si muove lo vedo prima. È praticamente impossibile per lui parare. Gli unici due modi in cui io posso sbagliare un rigore sono se non sono concentrato o tiro fuori dalla porta”.

Fonte: Il Mattino