Caso plusvalenze, da Torino protestano: “Disparità di trattamento tra Juventus e Napoli”, ma c’è un motivo!

Il caso plusvalenze sta investendo il calcio italiano, in particolare la Juventus è stata punita con 15 punti di penalizzazione.

Sulla stampa nazionale, però, ci sono tanti riferimenti anche al Napoli per l’acquisto di Osimhen nel 2020 dal Lille. L’edizione odierna de La Stampa analizza la situazione del club del presidente Aurelio De Laurentiis.

Ecco quanto evidenziato:

“Non solo la Juventus nel calderone delle plusvalenze fittizie. C’è dentro anche il Napoli, per l’affare che ha portato in azzurro Victor Osimhen dal Lille in cambio di 50 milioni più alcune contropartite tecniche valutate in totale circa 21 milioni.

Ultime notizie Napoli, La Stampa sottolinea: differenze di trattamento con la Juventus

La Procura di Napoli ha prorogato di 6 mesi le indagini su un presunto reato di falso in bilancio del Napoli nell’ambito dell’acquisto dell’attaccante. La giustizia sportiva si era già occupata della compravendita del giocatore nigeriano senza rilevare illeciti, fatto sottolineato dal club partenopeo. Potrebbe però accadere che il procuratore federale Giuseppe Chinè faccia richiesta di accesso agli atti ma, dovendo attendere la chiusura dell’inchiesta, ciò potrebbe avvenire alla fine della stagione.

Da qui la disparità con ciò che è accaduto alla Juventus che, essendo quotata in borsa, è stata giudicata dalla Procura di Torino anche con lo strumento delle intercettazioni e ciò – almeno secondo i legali del club torinese – ha prodotto la ben nota e recente sentenza della Corte Federale d’Appello che ha condannato solo i bianconeri”.

Home » News Calcio Napoli » Caso plusvalenze, da Torino protestano: “Disparità di trattamento tra Juventus e Napoli”, ma c’è un motivo!