Home » News Calcio Napoli » Altro che Maignan, Pogba o Lukaku: il vero “recupero” da gennaio ce l’avrà il Napoli

Altro che Maignan, Pogba o Lukaku: il vero “recupero” da gennaio ce l’avrà il Napoli

Con il Mondiale in Qatar in corso di svolgimento, i club di Serie A programmano la ripresa del campionato fissata per il 4 gennaio. Vista la prima parte di stagione ai limiti della perfezione, il Napoli sarà il riferimento per tutti. Almeno così dovrebbe.

Già, perché il sentiment della stampa nazionale è quello di un Napoli già nel mirino delle altre big di Serie A, come se fosse una preda facile da agguantare per “sfamare” le ambizioni scudetto di Milan, Juventus e Inter, rispettivamente elencate per ordine di classifica.

Milan, Juventus e Inter: i giocatori che rientreranno dagli infortuni dopo la sosta peri il Mondiale

I motivi che porterebbero alla facile rimonta sarebbero i soliti: Mondiale che potrebbe essere fatale per il Napoli (che però ha meno giocatori delle avversarie dirette in Qatar, ndr), condizione psico-fisica che potrebbe calare (mentre magicamente è previsto che quella delle altre squadre debba soltanto migliorare, giovando della sosta, ndr), ma soprattutto il recupero di giocatori importanti che sono mancati per infortunio nella prima parte di stagione.

  • Il Milan ha avuto vari calciatori out: su tutti Maignan e Calabria, oltre al mancato ambientamento del belga De Ketelaere, l’acquisto più costoso del mercato estivo rossonero.
  • La Juventus recupererà Pogba e Chiesa, che sono praticamente fermi da inizio stagione, oltre al saltuario Di Maria.
  • L’Inter invece recupererà Romelu Lukaku, che si è infortunato a inizio stagione e poi è stato tormentato dai malanni fisici.
Osimhen Kvaratskhelia Napoli Spalletti
FOTO: Getty – Osimhen Kvaratskhelia

Rrahmani, Kvaratskhelia e Osimhen: i punti di forza del Napoli dopo la sosta

E il Napoli? Quella di Spalletti sembra essere l’unica squadra che invece non avrà nuovi punti di forza interni su cui puntare. Sembra, appunto. Perché qualcuno dimentica che il Napoli negli ultimi due mesi ha fatto a meno di Amir Rrahmani, difensore che è stato il pilastro del muro azzurro, ancor più di Kim. Così come si tende a dimenticare che i partenopei hanno dovuto rinunciare già ai suoi due attaccanti principali: Osimhen, rimasto infortunato per circa un mese e mezzo nel corso della stagione, e Kvaratskhelia, che ha saltato le ultime gare prima della sosta per lombalgia.

LEGGI ANCHE:   Ranocchia dubbioso: "Il Napoli va davvero forte, ma vedremo se sarà in grado di vincere lo Scudetto"

Di fatti, sulle 21 partite fin qui disputate (15 di campionato e 6 di Champions League), Spalletti ha avuto a disposizione i suoi due attaccanti principali per sole 10 partite, ovvero meno della metà. E non parliamo di due calciatori qualsiasi. Kvaratskhelia con 8 gol e 10 assist è il miglior giocatore della stagione napoletana ed è il più incisivo in assoluto in Serie A (6 gol e 7 assist). Osimhen è il cannoniere principe del campionato, con 9 gol realizzati (più 2 assist), mentre nella sua stagione i gol totali sono 10 più 3 assist. In pratica – per rendimento – i migliori due attaccanti del Napoli e dell’intero torneo.

LEGGI ANCHE:   Benitez: "Napoli stratosferico, ho parlato con Spalletti", poi la previsione sullo Scudetto

La “coppia KO”: gli straordinari numeri del tandem Osimhen-Kvaratskhelia

Averli insieme significa avere un potenziale offensivo unico, che nessuna squadra italiana ha fin qui dimostrato di avere. Come dicevamo la “buona notizia” per Spalletti sarà riaverli insieme al top della condizione da gennaio. Fin qui hanno giocato in tandem solo 10 partite su 21 (e nemmeno tutte dall’inizio), e in queste 10 partite il Napoli ha portato a casa il successo in ben 7 occasioni, non vincendo le partite con Fiorentina, Lecce (Kvara partì dalla panchina) e la trasferta di Liverpool.

I numeri delle 10 partite in cui Osimhen e Kvaratskhelia hanno giocato insieme sono a dir poco stratosferici: 6 gol e 6 assist il georgiano, 7 gol e 1 assist per il nigeriano. Il che significa che i due si cercano e trovano a meraviglia.

Dunque, dopo la sosta, e con buona pace di chi spera in un crollo verticale, più che trovare un Napoli indebolito, le altre squadre di Serie A troveranno una formazione potenzialmente ancora più forte di quella che fin cui ha già stracciato il campionato. Come sempre la sentenza ai posteri, ma intanto Spalletti può sorridere in vista di gennaio.

Statistiche partite giocate insieme Osimhen e Kvaratskhelia
Statistiche partite giocate insieme Osimhen e Kvaratskhelia

RIPRODUZIONE RISERVATA
Pasquale Giacometti