Home » News Calcio Napoli » Troppa fiducia (oppure) zero rispetto per Spalletti?

Troppa fiducia (oppure) zero rispetto per Spalletti?

Troppa fiducia (oppure) zero rispetto.

Due ipotesi distanti, diametralmente opposte, che non lasciano spazio a compromessi o mezze misure.

Nel momento in cui si smantella una squadra che ha sfiorato lo Scudetto e raggiunto la Champions dopo due anni, solo una delle due strade può essere quella giusta.

Troppa fiducia in Spalletti? Troppa presunzione che con qualsiasi giocatore a disposizione sia capace di assicurarsi almeno la qualificazione Champions, così come dimostra la sua storia? Troppa convinzione che pur togliendogli Ospina e Koulibaly, il suo “patron” e il suo “comandante” per il quale si sarebbe incatenato, non cambino gli obiettivi? Troppa certezza che la sua identità tattica ed il suo equilibrio possa prescindere da figure carismatiche e dall’altissimo bagaglio tecnico come Insigne, Mertens e Fabiàn?

LEGGI ANCHE:   Tegola per il Torino, Juric perde l'attaccante: c'è il comunicato
Napoli Spalletti
Napoli Spalletti (Getty Images)

Sarebbe un errore gravissimo pensare tutto questo.

Zero rispetto per Spalletti? Vendergli tutti e ricominciare da zero perchè anche lui non è necessario? Mancanza di riconoscenza per quanto fatto fin qui perché nell’aria vi è la convinzione che lo Scudetto l’abbia perso lui e la qualificazione Champions sia merito dei suoi uomini? Zero rispetto per la sua persona, mandata a fare da parafulmine prima in conferenza e poi in piazza a Dimaro, a parlare della permanenza di Koulibaly e di Dybala? Un modo per tendere la corda al punto di farla rompere, per rifondare anche le guide tecniche e resettare tutto anche lì?

LEGGI ANCHE:   Cassano ancora contro Ronaldo: "È arrivato il momento di smettere!"

Sarebbe un errore gravissimo pensare anche tutto questo.

Difficile capire quale sia il pensiero dominante in società al momento, se davvero in questo allenatore si crede troppo o troppo poco, se l’idea è di far conto che non esista, che non abbia voce in capitolo oppure che addirittura ci si auspichi l’addio.

Regna però un quesito lecito ed anche a questo sarebbe bello avere risposta: a Luciano Spalletti, uomo di calcio e di campo, sta davvero bene questo trattamento e tutto quello che gli sta succedendo intorno?