Home » News Calcio Napoli » Stadio Maradona, polemica sul manto erboso. Dal Comune: “Vogliamo spiegazioni”

Stadio Maradona, polemica sul manto erboso. Dal Comune: “Vogliamo spiegazioni”

Manca circa un mese e mezzo alla ripartenza dei campionati e da Napoli non arrivano buone notizie riguardo il manto erboso dello Stadio Diego Armando Maradona: i concerti di Vasco Rossi e Joseph Capriati avrebbero rovinato il prato e ci sarebbe preoccupazione per la doppia data di Ultimo in programma per questo weekend.

Stadio Maradona concerti
FOTO: Getty – Stadio Maradona

Dal Comune: preoccupazione per il prato del Maradona, le accuse

Destano preoccupazione i concerti che stanno occupando lo Stadio Maradona di Napoli. Nino Simeone, consigliere comunale e presidente della commissione infrastrutture, ha parlato proprio di questo ai microfoni di Radio Goal, in onda su Radio Kiss Kiss Napoli:

C’è preoccupazione per il manto erboso del Maradona in seguito ai concerti di Joseph Capriati e Vasco Rossi e di quelli in programma tra cui quelli di Ultimo. A noi è costato soldi per fare il manto, non ce l’hanno regalato ed è un peccato vederlo in quelle condizioni, peccato ancora più grave se ce ne siamo accorti e non stiamo intervenendo in tempo. Spero di sbagliarmi perchè le immagini che girano non sono così chiare ma oggettivamente sono palesi le difficoltà del manto erboso. Ben vengano questi eventi, però dispiace perchè va tutelato il patrimonio comunale. Negli altri stadi vengono inserite delle basi che tutelano il manto erboso che deve rimanere in ottime condizioni, quantomeno ce lo devono restituire in ottime condizioni.

Speriamo bene, speriamo che ci siano risposte esaustive da parte degli uffici competenti, ci sarà qualche agronomo che ci darà una spiegazione. Io spero di sbagliarmi ma purtroppo le immagini non sono proprio rassicuranti. Ultimo farà due date al Maradona, bisogna tutelare un bene e un patrimonio del comune di Napoli. Poi fa bene De Laurentiis ad arrabbiarsi: il Napoli non può giocare su un campo che non merita di essere definito campo di calcio. Speriamo bene, speriamo di intervenire presto”.