Home » News Calcio Napoli » VIDEO – Insigne al Toronto, Floro Flores: “Le bandiere sono finite. Napoli? Che emozione!”

VIDEO – Insigne al Toronto, Floro Flores: “Le bandiere sono finite. Napoli? Che emozione!”

Nel post partita della Partita del Cuore, giocatasi stasera allo Stadio Diego Armando Maradona di Napoli, è stato intervistato dalla redazione di Spazio Napoli l’ex calciatore Antonio Floro Flores.

L’ex attaccante, cresciuto nelle giovanili del Napoli, ha parlato della stagione degli azzurri, del suo tempo nel club e anche della partenza di capitan Lorenzo Insigne. Di seguito le sue parole:

“Al di là del nome di Maradona, questo stadio è unico in tutto. Ho sognato dai miei 16 anni ad oggi di giocare qua, è sempre una grande emozione, è la mia città ed è una maglia che amo”.

“Purtroppo è durato poco, la proprietà che avevo io non è quella attuale. Il calcio riserva anche queste sorprese. Questo stadio è casa mia e lo sarà per sempre. Spero il Napoli faccia sognare noi giovani che non abbiamo mai visto uno Scudetto”.

“C’è tanta amarezza, inutile prenderci in giro. Siamo arrivati a tre giornate dalla fine a giocarcelo, non succedeva dagli anni di Sarri. Quest’anno era alla portata, lo sapevano sia i giocatori che la dirigenza. Bisogna comunque ringraziare il Napoli che è tornato in Champions e torneremo a sentire la musichetta. Guardiamo il bicchiere mezzo pieno”.

Floro Flores Insigne Napoli

Insigne al Toronto: il commento di Floro Flores

Ritiro dal calcio troppo presto? “Il calcio ti rimane dentro a vita, non si riesce a smettere di giocare. Da bambino ai 200 anni. Purtroppo però devi anche essere onesto con te stesso e non occupare il posto di un giovane che magari può fare cose importanti. Era arrivato il mio tempo, troppi infortuni”.

Insigne al Toronto? “Il calcio ormai è business. Non esistono più le bandiere. Anche se tu la vorresti fare, quando arrivano offerte faraoniche non si possono rifiutare, non prendiamoci in giro. Cambia la vita alla tua generazione. Penso sia una scelta nemmeno discutibile. Ha dato anima e cuore al Napoli, e ha fatto sognare tuti i napoletani. Bisogna solo dirgli grazie e gli auguro un in bocca al lupo per il futuro”.