Boateng sogna Messi al Napoli: “Sarebbe una storia incredibile per onorare Maradona”

MESSI NAPOLI
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

MESSI NAPOLI – L’ex centrocampista di Milan e Barcellona, Kevin Prince Boateng, oggi al Monza in Serie B, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di ESPN sul suo ex compagno di squadra Lionel Messi invitando la Pulce a seguire le orme di Maradona e chiudere la carriera al Napoli. Ecco quanto evidenziato dalla nostra redazione:

“Messi dovrebbe andare al Napoli dopo la scadenza del suo contratto col Barça a giugno. Sarebbe fantastico se fosse lui stesso a chiamare il club e dirgli: ‘Vengo?’”

MESSI NAPOLI

“Potrebbe dire: ‘Non danno più la maglia numero 10, ma mi piacerebbe onorare il 10 di Maradona e venire a giocare un anno o due al Napoli, senza pensare ai soldi, solo per il cuore’. Sarebbe come un film. Dovrebbe andare ad allenarsi con un elicottero perché la gente lo mangerebbe vivo e sarebbe così felice. Ma una storia come ‘in onore di Maradona verrò a giocare a Napoli’, che storia sarebbe per il mondo? E non solo per quello del calcio, ma in generale. Sarebbe un messaggio, sarebbe storia ovunque. Vorrei solo essere nei panni di Messi, chiamerei il presidente del Napoli e glielo direi“.

Ho sentito storie su di lui in cui usciva dal campo di allenamento e, vedendo alcune famiglie, dava loro dei soldi e dicendo: ‘andrà tutto bene’. Questo è ciò che lo ha reso così speciale a Napoli. Certo che ha vinto il campionato, ma era come una persona che si poteva toccare, ed è difficile da trovare. Era sempre lì, lo vedevi segnare un gol incredibile e il giorno dopo lo trovavi a camminare per le strade”.

MESSI NAPOLI
Maradona e Messi al mondiale

“Maradona aveva troppe qualità e possedeva quell’intelligenza che ha anche Messi, era sempre un passo avanti. Non ricordo di averlo visto dal vivo, ma ho visto tutti i video e so tutto di lui. A distinguere Messi dagli altri è la sua mente, perché tutti sanno che ha qualità incredibili con la palla, ma è sempre due o tre passi avanti. Tutto il tempo, questo è ciò che lo rende incredibile. La sua mente, la sua intelligenza, sapere dove passare la palla, con il ritmo giusto, con il piede giusto”.

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI