Ambrosini: “Nel Milan Ibrahimovic è più decisivo di quanto Insigne lo sia nel Napoli”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Durante “Il Sogno Nel Cuore” su Radio Crc è intervenuto Massimo Ambrosini, ex centrocampista del Milan e della Nazionale, attualmente opinionista Sky:

“Domenica tra Napoli e Milan sarà una gran bella partita, mi aspettavo gli azzurri nella parte alta della classifica. I rossoneri rappresentano una bella sorpresa. Non vedo l’ora di vedere come andrà a finire al San Paolo, anche se il risultato non sarà decisivo. È ancora troppo presto.

Ragazzi, in Nazionale ho rivisto Insigne ad alti livelli. Lorenzo ha fornito prestazioni di livello, dimostrando anche di aver trovato un’eccellente condizione fisica. Nel Milan, però, Ibrahimovic è più decisivo di quanto Insigne lo sia nel Napoli. Ibra è un fuoriclasse di livello assoluto. La sua presenza cambia le sorti del Milan.

Per Koulibaly si prospetta una domenica impegnativa? Ma Koulibaly è abituato ad affrontare avversari di un certo spessore. Si dividerà il compito con Manolas o chiunque altro lo affiancherà domenica al centro della difesa. Però Koulibaly saprà come farsi valere, assolutamente.

Sia il Napoli sia il Milan possono lottare per lo scudetto. Secondo me la squadra più attrezzata è l’Inter, che vede in Lukaku un punto di riferimento come Ibra al Milan. La Juve viene inserita di diritto nel novero delle pretendenti. Il Napoli è strutturato per competere, il Milan sta crescendo.

Lavoro degli allenatori? Per me il compito più difficile è stato quello di Gattuso, che ha dovuto risollevare un gruppo moralmente a pezzi nella passata stagione. Pioli è stato capace di conquistare la fiducia di tutti. Però la situazione più complicata da risolvere è stata quella affrontata da Rino giusto un anno fa.

Meret e Donnarumma? Meret è un portiere competitivo, però Donnarumma è un fenomeno. Chiedere a Meret che cosa gli manchi per arrivare ai livelli di Gigio è come chiedere a me che cosa mi è mancato per arrivare ai livelli di Pirlo. La natura è stata più benevola con Donnarumma, regalandogli delle doti straordinarie, che Gigio affina giorno dopo giorno con il lavoro”.

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI