shinystat spazio napoli calcio news Reina: "Napoli è stata la scelta migliore, mi manca Posillipo"

Reina: “Coronavirus? Ho avuto paura. Napoli? Scelta migliore, è la mia dimensione naturale: mi manca Posillipo”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter
reina

Pepe Reina, ex portiere del Napoli attualmente all’Aston Villa, ha rilasciato una lunga intervista all’edizione odierna de Il Corriere dello Sport. Lo spagnolo è risultato positivo al Coronavirus: ha raccontato di star meglio ora, ma la paura è stata tanta. Ecco le sue parole:

“La compagnia non mi manca, siamo io, mia moglie Yolanda, cinque figli e i due suoceri. La casa è grande e la solitudine non vi ha accesso. Però isolato lo sono stato dopo aver accusato i primi sintomi del virus. Febbre, tosse secca, un mal di testa che non mi abbandonava mai, quel senso di spossatezza… L’ unico spavento quando per venticinque minuti mi è mancato l’ ossigeno, come se la gola si fosse improvvisamente ristretta e l’ aria non riuscisse a passare… I primi sei, otto giorni li ho trascorsi chiuso in una stanza. E poi ho cominciato a uscire nelle ore notturne, quando i ragazzi e i miei suoceri dormivano. Una vita a targhe alterne. Faccio ancora attenzione a tenermi a distanza dai genitori di Yolanda, non sono più giovanissimi”.

Reina, bellissimo messaggio per Napoli: “Sono innamorato di questa città e dei napoletani”

PEPE REINA, L’ESPERIENZA A NAPOLI

Napoli è la mia dimensione naturale, a Monaco me ne accorsi subito, mi resi conto che volevo una vita diversa, esattamente come quella che avevo lasciato. Aggiungici che al Bayern ero dietro a Neuer, la volontà di rientrare fu immediata… Non avrei potuto fare una scelta migliore, posso assicurare che non mi sono mai divertito tanto a giocare come nei tre anni di Napoli con Sarri.

Il Napoli avrebbe dovuto riscattarmi dal Liverpool, non si trovarono i numeri e quindi dovetti cercare un’ altra squadra. Fu il presidente a riprendermi. Che collettivo. Lo spirito con cui ci allenavamo e giocavamo, e la qualità del gioco di quel Napoli. Non vedremo mai più una squadra muoversi in quel modo. Sarri riuscì a portarci al di sopra di limiti e potenzialità. In quegli anni avete visto il miglior Koulibaly, il miglior Mertens, un Allan strepitoso, Albiol una guida formidabile, il contributo pre zioso di Callejòn e Insigne. A un certo punto della seconda stagione sembrava che giocassimo a memoria. Non c’ erano primedonne, ma grande disponibilità, e umiltà, il nostro leader era il gioco che ci aveva insegnato lui”.

Sai cosa mi manca davvero? L’ appartamento a Posillipo, il sole”.

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI

CALCIOMERCATO NAPOLI

CONOSCI SPAZIONAPOLI?

SpazioNapoli è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioInter.it, SpazioMilan.it e SpazioJ.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network, il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

NAPOLI CALCIO - ULTIMISSIME

Seguici su Facebook

Preferenze privacy