Malagò: “Aiuteremo tutti! Bisogna pensare a fonti alternative”

ripresa campionato
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Giovanni Malagò, presidente del CONI, ha parlato, in un’intervista al Corriere della Sera, dell’emergenza da Coronavirus in rapporto allo sport e sulle decisioni che saranno prese per limitare i danni. Ecco quanto evidenziato dalla nostra redazione:

“Capisco che il mondo del pallone sia in subbuglio, ma il CONI in questa emergenza non può prevedere aiuti separati per una società di base di calcio rispetto a una di triathlon o baseball. Con l’aiuto del governo sosterremo tutti, tutti dovranno fare sacrifici. Se una società dilettantistica pensa alla cassa integrazione per i dipendenti, a uno storno del mutuo o dei canoni di locazione degli impianti sappia che difficilmente troverà risorse. Più che ai soldi, meglio pensare a fonti alternative, a un ripensamento sulla legge che vieta la sponsorizzazione delle società di scommesse. Anche io all’epoca la sostenni ma ora siamo in emergenza. I famosi 600 euro di aiuto ai collaboratori arriveranno presto ma saremo attentissimi a bloccare i furbetti: farà fede solo il registro delle società CONI”.

Siamo anche su Google News: per seguire tutte le news sul Napoli Calcio clicca QUI