shinystat spazio napoli calcio news L'ultimo studio sul Coronavirus: i contagiati in Italia potrebbero già essere un milione!

L’ultimo studio sul Coronavirus: i contagiati in Italia potrebbero già essere un milione!

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

C’è uno studio che cambierebbe le carte in tavola sulla conoscenza del Coronavirus. Secondo esperti e virologi italiani, ma di fama mondiale, il virus avrebbe già colpito circa un milione di persone.  

“Faccia caso a un elemento – osserva il professor Matteo Bassetti, primario di Malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova – non appena si fanno test a persone anche asintomatiche si trovano positivi, il virus ha circolato moltissimo. Dire 700 mila positivi è perfino prudenziale, sono molti di più”.

Sostiene il professor Matteo Bassetti dell’Ospedale di Genova: “Io metto insieme la pancia del medico che riceve moltissime telefonate di persone che hanno lievi sintomi compatibili con questa infezione, le piccole coorti come le squadre di calcio e si scopre che fino al 30 per cento è positivo, i dati dei sud-coreani che ci dicono che il 30 per cento dei giovani sotto i 40 anni è risultato positivo: è evidente che almeno al nord abbiamo molti più casi di quelli che finiscono in ospedale. Vanno moltiplicati per dieci, ma forse anche per un numero perfino più alto. Supereremo ampiamente la Cina.

La diffusione è così capillare che contene il virus è sempre più difficile. Le misure messe in pratica sono fantastiche e vanno rispettate, ma bisogna ancora capire quali frutti daranno. Sappiamo che questa è una infezione bruttissima in una porzione limitata della popolazione, sta mettendo seriamente a rischio il nostro sistema sanitario, perché quello che normalmente si spalma in sei mesi, si è concentrato in un mese. È un’onda altissima. Ma con i numeri corretti il tasso di letalità si ridimensiona e se chi è stato contagiato diventa immune, saremo più tranquilli. Il problema è che su questo non abbiamo certezze, è probabile ma non siamo sicuri. Stiamo iniziando ora a fare test sierologici”

Preferenze privacy